Si apre la stagione della Red Bull Foiling Generation

Dopo il successo della prima edizione dei cat volanti, la Red Bull Foiling Generation 2016 si apre in Nuova Zelanda, ad Auckland, la città delle vele. A vincere la prima tappa del circuito riservato ai giovani velisti di età compresa tra i 16 e i 20 anni è stato l’equipaggio misto composto da Olivia Mackay e Micah Wilkinson, emersi da una tre giorni di scontri tra i 16 Flying Phantom, impegnati tra le boe disposte all’ombra dell’Harbour Bridge. I neo eletti campioni nazionali neozelandesi hanno così messo il primo nome sulla hall of fame stagionale che si completerà con gli altri nove appuntamenti distribuiti su otto nazioni e che culmineranno nella World Final in programma negli Stati Uniti il prossimo ottobre.

Foiling Generation, il nido dei velisti del futuro

La classifica di questo primo evento della Red Bull Foiling Generation è stata indecisa fino alla fine, con una battaglia tra l’equipaggio di testa e il duo Trent Rippley e Issac McHardie, secondo al termine delle regate.
«Eravamo davvero vicini all’ultima boa di bolina», raconta Micah. «Per fortuna l’abbiamo girata davanti ci siamo buttati al lasco verso l’arrivo, volando sui foil, ma totalmente senza controllo, siamo stati abbastanza in gamba da tagliare la linea con la barca ancora in grado di navigare per poi scuffiare appena finita la regata»

Creato dagli austriaci due volte campioni olimpici Roman Hagara e Hans Peter Steinacher per favorire la scoperta di nuovi talenti velici, il Red Bull Foiling Generation è riservato a regatanti già esperti da avvicinare alla navigazioine in foiling, secondo molti la vela del futuro. Nonostante le dimensioni contenute, solo 18′, e grazie alla tecnologia costruttiva che limita il peso a 155 kg e alle appendici idrodinamiche i Flying Phantom riescono a superare i 35 nodi di velocità.

Il commento di Roman Hagara, il creatore

Hagara ha commentato: «La Nuova Zelanda è un generatore elettrico per lo sport della vela. Abbiamo avuto molte richieste di partecipazione da parte di ottimi equipaggi e il pubblico ha davvero apprezzato la sfida e l’impegno di questi giovani talenti. Mi piacerebbe vedere qualcuno di loro laurearsi alla Youth America’s Cup, che torna il prossimo anno con la Nuova Zelanda come campione uscente»

Gli appuntamenti della Red Bull Foiling Generation proseguiranno fino all’autunno del 2016 in Europa e in America, purtroppo senza tappe in Italia, a differenza dello scorso anno quando i giovani leoni italiani si scontrarono a Malcesine. La finale, riservata ai 15 campioni nazionali emersi dalle varie prove, sarà disputata a Newport, Usa.

Calendario 2016 Red Bull Foiling Generation

13–15 maggio, Istanbul, Turchia
27–29 maggio, Kiel, Germania
1–3 luglio, Ginevra, Svizzera
15–17 luglio, Lelystad, Olanda
5–7 agosto, Cadice, Spagna
19–21 agosto Knokke, Belgio
13–15 ottobre Newport, USA
20-22 ottobre, WORLD FINAL Newport, USA

Commenti