toronto

Desiderate non solo un Capodanno indimenticabile, ma anche un gennaio colmo di appuntamenti, eventi unici, mostre da non perdere e, soprattutto shopping inarrestabile tra periodo festivo e saldi invernali? Se avete risposto sì a tutto, Toronto è la meta che fa per voi.
Non fatevi frenare dalla paura del freddo, la capitale dell’Ontario pensa a tutto e tutti: c’è addirittura la possibilità di girare la città, partecipare ad eventi, mostre, cibarsi, andare al cinema (e pure nelle SPA!) senza mai mettere il naso fuori: provate la suggestiva avventura di ‘perdervi’ nei 27 chilometri del sotterraneo PATH dove ci sono più 1200 possibilità tra cui scegliere per soddisfare ogni necessità. Con 125 punti di ingresso in superficie, è accessibile da ogni punto di Downtown e collega tra di loro le maggiori attrazioni di Toronto, dalla Hockey Hall of Fame al Rogers Centre e alla CN Tower.
Toronto abita già il futuro: per non perdersi nel PATH né dovunque (e, soprattutto non perdere le occasioni migliori, sapendo sempre dove andare per trovare il meglio di ciò che cercate) Tourism Toronto ha persino creato svariate apps, disponibili per Iphone, Android e Blackberry: ad esempio, potete scoprire dove si trovano rispetto a vo i i dieci posti migliori dove comprare facendo affari e mangiare bene e lowbudget.
Altro centro commerciale gigantesco di cui fare esperienza – e di alto livello – è l’Eaton Centre.

Si trovano qui le boutique delle firme più importanti della moda (esempio? Armani!) ma, soprattutto, tanti negozi di abbigliamento più ‘nuovo continente’: da Gap ad Abercrombie & Fitch, Hollister fino ad Aldo, negozio di scarpe molto prestigioso e quotato in tutto il Nord America. Non mancano ovviamente i più famosi cheap & chic europei, Zara ed HM su tutti. I veri torontonians, infine, tra un negozio e l’altro fanno pausa per un caffè accompagnato dal delizioso donut di Tim Hortons, vera istituzione in Canada.
Ma, oltre ad i centri commerciali iperforniti, i veri shopaholi c si divertono a scovare insoliti oggetti, libri, abbigliamento e quant’altro la metropoli offre vagando per i suoi quartieri così differenti, eclettici e colorati.
Ecco di seguito una piccola guida per sapere dove trovare vere chicche nella Capitale dell’Ontario:

Stile boho chic
Amate lo stile boho chic (ovvero bohème-hippie revisited alla Sienna Miller, Kate Moss, gemelle Olsen)? La vostra meta è Kensington Market: qui, tra i negozietti retrò ricavati nei cortili delle colorate case vittoriane, potrete divertirvi a dare la caccia ai migliori capi vintage di ogni epoca, accessori da baule della nonna, capi, gioielli etnici, oggettistica DIY). Rimarrete storditi dal vortice allucinogeno delle spirali d’incenso, dai suoni allegri di risate e chitarre che escono dalle finestre con gli infissi di legno scrostato. Lisergico ma in qualche modo ordinato e misurato, così come può essere un quartiere eccentrico… solo a Toronto! Da non perdere: Flash Back, Courage My Love e The Fairies Pyiamas tutti in Kensington Avenue (vedi TorontoTurismo).

Di tutto e di più
Vinili introvabili, design, oggettistica curiosa, gallerie d’arte, atelier, temporary shop, fotografie, parrucche ed abiti da cerimonia direttamente dall’armadio di Barbie, David Bowie, Andy Wahrol e Happy Days tutti mescolati insieme: ecco cosa potrete ammirare e dove sbizzarrirvi a Queen West e West Queen West. Impossibile non trovare qualcosa da portare a casa da Arts on Queen (opere d’arte contemporanee ed altre amenità) o all’Annie Thompson Studio (gioielli, zainetti, borse inconsuete).

Spirito tout court
The Annex è il regno delle librerie specializzate, della musica, degli studenti e di quanto possa arricchire il vostro spirito tout court. Must per inguaribili intellettuali, per chi ama i cinema d’essai e Sartre, i libri sull’architettura del dopoguerra, le vetrine dagli infissi colorati e il design insolito (approvato anche dai più stretti adepti del ‘radical chic style’) nonostante i molti centri commerciali. Non vi pentirete mai  degli acquisti compulsivi fatti tra Harbord Street e la zona del Mirvish Village. Curiosate da BMV, la più grande e popolare libreria della città.

Lo shopping esclusivo
Per chi ama l’eleganza e vuole la certezza di non sbagliare mai, lo shopping più esclusivo è da fare a Bloor-Yorkville. Fu la mecca del free love negli anni ’60, ma oggi dell’atmosfera fricchettona alla Hair non è rimasto nulla, se non nelle reintepretazioni dell’haute couture. Ristoranti fashionissimi, hotel dove soggiornano i vip, esclusive SPA, eventi beauty unici al mondo – come l’annuale Beautylicious – e gallerie dedicate alla fotografia glamour (da vedere: la galleria Legends ). Provare per credere: http://www.bloor-yorkville.com/

Distillery District
È il quartiere in pieno sviluppo che si distingue per la molteplicità di eventi, laboratori artigianali, acquisti di bevande uniche (il fantastico birrificio Mill’s), chocolate tasting, piccole gallerie e brocante. Quando la fame si fa sentire, è d’obbligo fermarsi a cena in uno dei meravigliosi locali che si susseguono negli antichi edifici vittoriani finemente restaurati. (The Boiler House, suggestivo sia dentro che fuori, in estate ed inverno e, soprattutto, ottimo cibo e musica!)

Shopping gay friendly?
Immancabile Church-Wellesley Village, dove troverete ogni prodotto ed oggetto a cui la vostra immaginazione possa pensare, dai travestimenti Village People, a costumi da scimmione rosa, ammennicoli, curiosi e divertenti stivali, lingerie bondage, spettacoli paradossali, locali teatrali e simpatici per cena e, soprattutto, dopo cena. E’ come essere dentro ‘Priscilla’ ma nel 2012! E se dopo lo shopping non siete ancora stanchi, approfittate dell’incredibile offerta di musei, mostre, teatri ed eventi presenti  periodo invernale: dalla mostra su Frida Kahlo e Diego Rivera all’Art Gallery of Ontario; Designing 007 dedicato all’icona James Bond del TIFF Bell Lightbox, l’immancabile rito del balletto con ‘The Nutcracker’ danzato dal National Ballet of Canada …e tanto tanto altro su www.seetorontonow.com !
 
Il pacchetto di 799 € comprende:

– volo a/r su Toronto dai principali aeroporti italiani
– 4 giorni di cui 3 notti in hotel 3 stelle in posizione centralissima
– tasse aeroportuali

Comunicato inviato da Openmind Consulting

Commenti