lanzarote-ok

Ron Howard girerà qui il suo prossimo film, In the Heart of the Sea. Non a caso. Perché Lanzarote è un vulcano in mezzo all’Atlantico, nero, squarciato da strisce di terra rossa, a 140 chilometri dall’Africa, spazzato dal vento che arriva dal Sahara.

 

Un’opera d’arte senza tela e senza limiti

lanzarote-6Una terra perfetta per César Manrique, l’eclettico artista originario dell’isola, scomparso nel 1992, amico di Andy Warhol che ritornò a Lanzarote dopo una vita da nomade in giro per il mondo e la fece conoscere attraverso le opere create nella sua dimora bianco smagliante a Taro de Tahíche, tutta cunicoli, vetrate, grotte, oggi museo, decidendo che anche le altre case sparse nei villaggi o in mezzo al nulla dovevano essere total white con gli infissi verdi. “Lanzarote è un’opera d’arte senza tela e senza limiti” amava dire. Tutto parla di lui: dal Mirador del Rio (nella foto a destra), all’estremità settentrionale dove si ammira l’oceano incastonato tra Lanzarote e l’isola Graciosa al Giardino di cactus creato con 600 specie di piante e 8.000 esemplari provenienti da tutto il pianeta, in un paesaggio da western degli anni Cinquanta.

 

lanzarote-4Una delle spiagge più belle del mondo

Nell’isola location delle campagne pubblicitarie di Cotton Club e Yamamay, si può anche andare di spiaggia in spiaggia, 85 in tutto, bianche, dorate, nere, racchiuse tra le dune. A Papagayo Beach (nella foto a sinistra), segnalata da Tripadvisor come una delle 10 spiagge mozzafiato del mondo, l’atmosfera è quella hippie degli anni Settanta. Caleta de Famara è colonizzata dai surfisti. Chi ama gli scogli può scegliere La Cerita e Playas Negra tra rocce laviche. Da D’Orzola, un battello un po’ dissestato porta alla molto cubana La Graciosa, minuscolo atollo  delimitato da nord a sud da cinque picchi vulcanici tra cielo e mare.

Cammelli, vulcani e paesaggi lunari

lanzarote-5A Lanzarote, la più orientale delle Canarie, riserva della biosfera ell’Unesco, place to be dei contemplativi, visse il premio Nobel José Saramago che si stabilì in volontario esilio sull’isola dove scrisse i “Quaderni di Lanzarote”, oltre mille pagine di vita vissuta, pubblicati da Einaudi. Nello spettacolare Parco Nazionale Timanfaya, che si può esplorare anche a dorso di cammello, i paesaggi lunari dai colori rosso metallico o bruno scuro, catturarono la fantasia del regista Stanley Kubrick che vi girò alcune scene del film 2001 Odissea nello Spazio. Al ristorante panoramico che regala viste mozzafiato, la specialità è la carne alla griglia cotta direttamente al calore del vulcano sottostante: a 3-4 metri sotto la superficie del suolo infatti la temperatura è di 200 gradi, a 20 metri passa a 600 gradi.

 

Puerto Calero

A Puerto Calero si dorme nel 5 stelle Hotel Hesperia Lanzarote, collegato da un sentiero pedonale al porticciolo turistico. Ma anche alla spiaggia di sabbia vulcanica con grande terrazza per sorseggiare un drink e al Lanz Beach Club, fantastico Chill Out Bar.‎ Mentre Finca de Arrieta offre otto yurte della Mongolia in un paesaggio degno della steppa. 

 

© Sailing & Travel Magazine 2014 – Riproduzione Riservata

 

Commenti