titicaca-1

Salpa dal piccolo porto di Puno in Perù la barca che attraversa lo specchio d’acqua navigabile più alto del mondo. Il Lago Titicaca è un mare in quota, a 3.827 metri, con sfumature cobalto e turchese (8.300 chilometri quadrati di superficie, 170 chilometri di lunghezza).  

 

Le isole galleggianti degli indios Uros

titicaca-7Un paesaggio sterminato e maestoso racchiuso tra le cime altissime e innevate della Cordillera Real, in Bolivia, a cui appartiene per un tratto. In quattro ore si approda all’isola di Suasi, dove si trova soltanto un resort ecologico, Casa Andina. Durante la navigazione si incontrano le isole galleggianti degli indios Uros, popolazione quasi scomparsa. Sono di paglia, la totora, una canna flessibile e resistente simile al papiro con cui si costruisce tutto, dalle capanne alle balsa, con la prua alta a forma di drago che ricordano le navi vichinghe. La stessa forma del Kontiki, la leggendaria barca del norvegese Thor Heyerdahl che venne qui negli anni Quaranta a s tudiare le tecniche di costruzione degli indios e ripartì, navigando per più di quattromila miglia, tra la costa peruviana e la Polinesia.

 

titicaca-12Archeologia subacquea

Mentre Jacques Cousteau scandagliò invano i fondali per mesi a bordo di un sommergibile, alla ricerca della mitica catena d’oro di due tonnellate conservata dagli indios nel tempio del Sole di Cuzco. Più fortunati gli archeologi subacquei che l’anno scorso hanno recuperato 2 mila oggetti e frammenti sia del periodo Inca che pre-Inca: vasi di pietra, contenitori per l’incenso e figure di animali come il puma, frammenti d’oro. Una scoperta che secondo gli archeologi potrebbe rivoluzionare lo studio di queste antiche civiltà. 

Per far perdere le tracce

titicaca-4In barca si può visitare l’isola di Taquile, montuosa, abitata da indios quechua: le donne lavorano nei campi, gli uomini abbigliati con abiti tradizionali, tessono i tipici copricapi. Suasi appare all’improvviso, avvolta dalla nebbiolina che evapora dal lago. È un’isola privata che vive dell’hotel, unica costruzione. Un posto dove staccare la spina e far perdere le tracce per qualche giorno. Dedicandosi a passeggiate per raggiungere i gruppi di vicuna che vivono in cima alla collina, oppure circumnavigando l’isola in canoa, scoprendo spiaggette di ciottoli bianchi, insenature color smeraldo.

 

titicaca-5Villaggi da cartolina

La sera, si accendono i camini e le luci a energia solare del ristorante e della living room. Ma si può anche andare alla scoperta delle penisola di Capachica con Llachon, villaggio da cartolina, la piazzetta, le case bomboniera sulla collina affacciate sul lago dove i pescatori catturano le trote arcobaleno, ingrediente dei saporiti gustosi ceviche e, mischiata con patate e avocado, del popolare piatto La causa. 

 

© Sailing & Travel Magazine 2014 – Riproduzione Riservata 

 

Commenti