esterel-home

 

È uno dei paradisi naturali francesi, monument classé come una chiesa o un palazzo, inconfondibile per i promontori color porfido che si specchiano nel mare blu interrotto da macchie turchesi. La costa frastagliata del massiccio dell’Esterel, tra Cannes e Saint Raphael, si scopre in auto, lungo la Route 98, la spettacolare Corniche d’or, secondo i naturalisti la litoranea più bella del mondo, che si insinua, per 32 chilometri, in un paesaggio drammatico, tra spiaggette di sabbia bianca, calanchi e promontori solitari come Cap Dramont, annunciato dal faro bianco.

 

Saint Tropez, mercatini e spiagge leggendarie

esterel-2-artE poi c’è Saint Tropez. Da quarant’anni la grande estate mediterranea comincia qui. Sui quais dove si affacciano i caffè del mito, nei club arredati come salotti sulle spiagge leggendarie, si decide il trend della stagione. Anche se il look ha una sola griffe, le botteghe artigianali nelle viuzze del centro, piccoli templi neoromantici che espongono trionfi di fiori e voile e il mercatino di place de Lices (martedì e sabato) preso d’assalto da habitué e occasionali: nessuna rinuncia agli eterni spartiate, i sandali alla schiava artigianali di moda dal 1933, di Rondini, primo acquisto di Afef quando è sbarcata qui con Marco Tronchetti Provera. Gli stessi che portava BB quando non camminava a piedi nudi sulla spiaggia di Tahiti. Tutta maschile, invece, la bottega antiquaria Quintessence, specializzata in oggetti  insoliti del 1900, come il tavolino in vetro appoggiato su un motore Riva 8 cilindri o la console ricavata in legno di una barca d’epoca.

esterel-1-artLe spiagge più belle

La spiaggia si sceglie a seconda del vento. Gli habitué preferiscono Les Salins e la plage des Jumeaux, a Ramatuelle, dove si pranza al ristorantino, a pochi passi dall’acqua e Cap Lardier che ricorda la californiana Big Sur. La passeggiata più bella è il Sentier du Littoral, l’antico Sentier des Douaniers, segnato da pannelli gialli, a picco sul mare, che tocca calette solitarie come l’Escalet, Cap Cartaya o Cap Taillat. Tutti passano dal centenario Sénéquier sul porto, annunciato dalla sfilata di sedie e tavolini rosso lacca (tel.0033494972020). Gli habitué si riconoscono dalla scelta dei tavoli: i più contesi sono quelli del Paradis, l’angolo a sinistra, vicino al Bureau de Tourisme. Per la cena, c’è Benkirai, molto branché, cucina thai. Le ostriche si gustano da Chez Madeleine, bancarella sulla place aux Herbes, dove si aprono al momento una dozzina di saporite Gillardeau accompagnate da un bicchiere di Sancerre. Si dorme a Ramatuelle al fascinoso La Ferme d’Augustin, un angolo di romantica Provenza, o alla maison d’hote Les 3 Iles, cinque camere, a pochi minuti dalla plage de Gigaro. Altro indirizzo imperdibile Villa La Bégude, nel verde, sulla route des Salins. A 150 metri dalla spiaggia di Canoubiers affacciata sull’acqua azzurra, dove fare picnic con la famosa tarte tropézienne.

 

© Sailing & Travel 2012 – All rights reserved

 

Costa Azzurra, dove dormire

 

Villa La Bégude
Saint Tropez
Route des Salins
tel. 0033494437774
www.villalabegude.com
Doppia in b&b da 130 euro

 

La Ferme d’ Augustin
Ramatuelle
Route de Tahiti
Tel.0033494559700
www.fermeaugustin.com
Doppia in b&b da 155 euro

 

Les 3 Iles
La Croix-Valmer
Gigaro
Tel.0033494490373
www.3iles.com
Doppia in b&b da 150 euro.

 

Costa Azzurra, dove mangiare

 

Benkirai
Saint Tropez
11, chemin du Pinet
Tel. 0033494979999
Prezzo medio: da 40 euro

 

Chez Madeleine
Saint Tropez
place aux Herbes
Tel. 0033494965981
Prezzo medio: da 20 euro

 

La Plage des Jumeaux
Ramatuelle
Chemin de l’Epi
Tel. 0033494552180
Prezzo medio: 30 euro

 

Costa Azzurra, dove comprare

 

Rondini
Saint Tropez
16 rue G. Clemenceau
Tel. 0033 4 94 97 19 55

 

Quintessence
Saint Tropez
34, boulevard Louis-Blanc
Tel. 0033494964381

 

Commenti