irlanda-giro-d-italia-1

L’edizione 2014 del Giro offre dunque un’occasione più unica che rara agli appassionati di ciclismo: oltre ad assistere dal vivo alla corsa che da quasi un secolo appassiona gli italiani, dà la possibilità di visitare una terra davvero interessante. Sul sito di Ryanair, compagnia aerea irlandese, è possibile trovare voli per l’isola a prezzi davvero convenienti.

 

Belfast

Se sceglierete di visitare Belfast, la città dove fu costruito il Titanic, lo farete probabilmente nel periodo migliore: maggio è uno dei mesi meno piovosi e le temperature sono più gradevoli. Una visita nella capitale dell’Irlanda del Nord non solo vi permetterà di arricchire il vostro bagaglio culturale, ma vi consentirà anche di fare il pieno di divertimento. Negli ultimi anni la vita notturna di Belfast è diventata particolarmente movimentata, soprattutto lungo il Golden Mile, caratterizzato dalla presenza di numerosi pub. Ma a Belfast colpiscono soprattutto i murales, tra Falls Road e Shankill Road. Sono a lì a testimoniare – ora con la satira, ora con denuncia più cruenta – la storica contrapposizione tra cattolici e protestanti. Oggi le cose sono cambiate e le barricate costruite qualche decennio fa dall’esercito sono appena visibili, a uso e consumo più che altro dei turisti.

 

irlanda-giro-d-italia-2Tra gli appuntamenti da segnare in agenda, quello con il museo del Titanic: inaugurato nel 2012 – proprio nell’area dove fu costruita quella che all’epoca era la nave più grande del mondo – racconta tutte le fasi della realizzazione del transatlantico, fino alla più grande tragedia della storia della navigazione. Ricostruzioni ed effetti speciali rendono unica questa visita. Nel Cathedral Quarter è di notevole interesse anche la cattedrale di SantíAnna. Ma questa zona è frequentata anche per i suoi bar, i suoi pub e le gallerie d’arte. Nè può mancare una passeggiata nel centro storico, con la City Hall e la piazza Donegall. Da qui si snodano le principali vie dello shopping. Per gli amanti dell’arte, c’è il museo dell’Ulster, pronto a proporre ai suoi visitatori interessanti collezioni, anche di arte contemporanea internazionale. Sarà inoltre interessante ripercorrere la storia dell’Irlanda del Nord. Approfittarne conviene: l’ingresso è gratuito.

 

Dublino

Ma il Giro díItalia offre anche la possibilità di scoprire l’affascinante Dublino, la città di James Joyce. La capitale della Repubblica d’Irlanda (o Eire) è la più popolosa dell’isola. Diversi i luoghi di interesse. Tra i monumenti che richiamano maggiore attenzione spicca la cattedrale di Christ Church. Pur avendo origini antichissime, líultima ricostruzione risale al XIX secolo. Conserva tuttavia l’aspetto originario. Richiama molti visitatori anche la cattedrale di San Patrizio. Interessante anche ciò che resta della struttura originaria del Castello di Dublino: costruito nel medioevo da Re Giovanni d’Inghilterra, è considerato il simbolo dellíoccupazione britannica. Degno d’attenzione anche il Trinity College: oltre a vantare tra i suoi studenti personaggi del calibro di Oscar Wilde, Samuel Beckett e Johnatan Swift, custodisce il libro di Kells, il manoscritto medievale più famoso al mondo, grazie alle sue originali illustrazioni. Gli amanti dei grandi capolavori dellíarte non possono invece rinunciare a una visita alla National Gallery of Ireland. Oltre alle opere degli artisti inglese e irlandesi, sono presenti anche tele di artisti quali Caravaggio e Rubens.

 

Se invece avete solo voglia di rilassarvi, non c’è niente di meglio che passeggiare nell’incantevole parco di St. Stephen’s Green. Mentre se siete in compagnia dei vostri figli potrete approfittarne anche per andare allo zoo. Per quanto riguarda il divertimento, pochi dubbi a riguardo: è il caso di frequentare il quartiere Temple Bar, senz’altro quello più di tendenza. Di giorno sono i negozi ad attirare l’attenzione, mentre la sera questa zona di Dublino cambia volto, si trasforma. Oltre a trovare lo storico pub che porta il nome del quartiere, potrete frequentare i tanti altri locali che propongono divertimento e tanta buona musica dal vivo. La sera è sempre festa ed è facile fraternizzare, magari sorseggiando una buona birra in compagnia di turisti e residenti. A proposito: se, come gli irlandesi, amate questa bevanda, allora una visita al museo della Guinness è assolutamente d’obbligo. Lo trovate a St. James’s Gate. L’esposizione è dislocata su sei piani, e oltre a raccontare la secolare storia della birra scura più famosa díIrlanda, permette di scoprire tutti i segreti della lavorazione e i macchinari utilizzati.

 

Armagh

Se ne avrete la possibilità, potrete concedervi anche qualche ora di relax in giro per Armagh, la cittadina che darà il via alla terza e ultima tappa della corsa rosa in terra díIrlanda. A sud del lago Neagh e in passato importante centro culturale, la tradizione attribuisce la sua fondazione a San Patrizio. Tra i monumenti di maggior interesse c’è la cattedrale, in stile gotico, dedicato al santo irlandese per eccellenza: San Patrizio, per l’appunto. Graziosa anche al cappella dedicata a San Malachia. La città ospita anche un Centro astronomico con l’annesso Planetario.

Commenti