bruni-argo

Francesco Bruni e il suo equipaggio hanno vinto 17 regate sulle 20 disputate dall’inizio dell’evento, che ha preso il via lo scorso martedì 8 ottobre a Bermuda, e hanno battuto in finale 3-2 il team di Ben Ainslie, il più titolato velista di sempre con 5 medaglie olimpiche (quattro ori e un argento) e recente vincitore dell’America’s Cup; a bordo con Ainslie anche il campione olimpico di Star Ian Percy nel ruolo di tattico. La finale si è svolta con vento molto instabile tra i 10 e i 12 nodi, che ha reso particolarmente impegnative le regate sotto il profilo della tattica e della conduzione delle imbarcazioni. Francesco Bruni e il team di Luna Rossa hanno sempre controllato l’avversario in partenza, vincendo con ampio margine le tre prove necessarie ad assicurarsi la tappa.

Francesco Bruni, tattico dell’AC72 Luna Rossa durante 34^ America’s Cup, e nel ruolo di timoniere alla Argo Group Gold Cup, ha dichiarato: “Sono molto soddisfatto del risultato e ringrazio il mio equipaggio con cui condivido il merito di questa vittoria importante.Questa regata faceva parte del programma di allenamento di Luna Rossa. Siamo passati dalle velocità degli AC72 a quelle degli International One Design; sicuramente c’è una grande differenza, ma resta sempre appassionante misurarsi nel match race ad armi pari, in particolare con un campione del calibro di Ben Ainslie.

Alla Argo Group Gold Cup hanno partecipato i migliori specialisti al mondo di match race per un totale di 20 skipper tra i quali, oltre a Ben Ainslie, figurano Ian Williams, nove volte vincitore del World Match Racing Tour, e Taylor Canfield numero 1 nella ranking list internazionale di specialità. Organizzata dal Royal Bermuda Yacht Club, la Argo Group Gold Cup si è disputata a bordo delle imbarcazioni International One Design, tirate a sorte ogni giorno tra i 20 equipaggi partecipanti. Come previsto dal programma di preparazione agonistica, il team di Luna Rossa parteciperà, con lo stesso equipaggio, a ulteriori appuntamenti del circuito internazionale di Match Race.

 

Commenti

CONDIVIDI