WAUQUIEZ-Pilot-Saloon-48-big

Con il Pilot Saloon 48, Wauquiez presenta uno yacht adatto alle navigazioni d’altura, moderno e tecnologicamente all’avanguardia, ma pensato per chi ama le linee più tradizionali. Il cantiere francese, attivo dal 1965, ha sempre coniugato l’aspetto estetico con le qualità veliche, miscelando le possibilità offerte dai nuovi materiali con la tradizionale costruzione navale. Questo però non significa che le prestazioni sotto vela non siano in linea con le più recenti produzioni: le polari visibili nella gallery sottostante (ultima immagine) evidenziano le doti da buon passista di questo 15 metri.

 

Nella scia della tradizione

Questo modello non fa eccezione: una linea morbida e dal sapore classico, ma inequivocabilmente attuale. La tuga, alta per creare lo spazio necessario al pilot saloon, il quadrato rialzato, si allunga verso poppa con gli alti paramare in cui terminano le grandi aperture vetrate che, insieme alla finestratura prodiera, lasciano affluire luce naturale all’interno e, di conseguenza, consentono la vista del mare anche da sottocoperta. I passauomo e gli osteriggi sono a filo della coperta in teak (proposta in più tipi, tra cui scegliere) e quattro oblò rettangolari a murata.

 

Pensato per l’altura

Costruito per affrontare le condizioni più impegnative è offerto con tre versioni di bulbo, 2,10 metri standard oppure 1,85 o 2,30 metri. L’albero, con tre ordini di crocette acquartierate, raggiunge i 19,60 metri. Lo specchio di poppa dello scafo disegnato da Berret-Racoupeau Yacht Design si apre per accedere al tender garage.

 

Pochi, ma buoni

Il piano di coperta è stato ottimizzato per le necessità di un equipaggio ridotto, come si confà a chi sta a lungo in mare. Il profilo della tuga lascia visibilità dal pozzetto, grande, ma ben protetto; Il fiocco è autovirante con la rotaia incassata in coperta; i quattro winch e tutte le manovre sono raggiungibili direttamente dalla postazione del timoniere e sempre senza spostarsi dalle due ruote è possibile accedere al contenuto del tender garage. Per liberare il pozzetto la scotta randa, alla tedesca, ha il trasto sulla copertura del pilot saloon.     

 

All’interno la comodità è funzionale

Sottocoperta, il layout ruota intorno al salone rialzato a un livello superiore rispetto alle etremità dedicate alla zona notte. Questa soluzione garantisce un maggiore comfort luminoso e visivo (da seduti si vede il mare fuori), ma crea anche uno spazio sotto il piano di calpestio in cui alloggiare serbatoi, impianti e servizi che mantengono così il peso a centro barca. Tenendo conto del suo uso sono state previste sia le luci e gli spazi necessari per la vita all’ormeggio, sia i tientibene e l’ergonomia per quando si naviga in condizioni impegnative. La cucina è posizionata sulla sinistra, ma a un livello inferiore, per lasciare libera la dinette. Lo stile è quello tradizionale, teak, pelle e acciaio, con qualche incursione di modernità come nei piani in resina bianca dei due bagni. Nella versione standard la cabina armatoriale, con bagno privato e locale doccia separato, è a poppa, mentre le cabine ospiti, una matrimoniale e una doppia, e il secondo bagno sono a proravia della paratia maestra. Disponibile anche la pianta con l’armatoriale a prua e le due cabine ospiti all’estremità posteriore.

 

Altre informazioni presso Yacht Synergy, il distributore in esclusiva in Italia.

 

{igallery id=818|cid=2555|pid=17|type=category|children=0|addlinks=0|tags=|limit=0}

Commenti

CONDIVIDI