Le donne valgono tanto quanto gli uomini. Avevo già capito in prima media che ripetere banalità è sintomo che in fondo in fondo non ci si crede. Tuttavia son qui a ripetermi questo concetto da un paio di giorni.

 

Arrivo da Lanzarote dove il team femminile SCA si sta preparando per la prossima Volvo Ocean Race e ammetto che devo ancora farci l’abitudine a vedere coppie di ragazze che carteggiano i dagggerboard, mentre altre coperte di grasso smontano pezzo a pezzo i winches o i componenti idraulici. L’aria è diversa rispetto ai classici team perché per molte di queste ragazze è la vera prima grande occasione, non hanno gerarchie da far pesare o conti in sospeso, sono matricole di questo mondo che è stato ed è tuttora dominato dagli uomini. In generale il clima è disteso, c’è allegria e curiosità di mettersi alla prova e vedere come andrà a finire. Ovvio che qualcosa di diverso c’è, ma principalmente perché per molte di queste ragazze è tutto nuovo e devono imparare a muoversi.

 

Come sempre a bordo ci sarà una persona dedicata all’albero, una per scotte e drizze, una per le vele, idraulica, winches….Il team ha uno specialista (uomo) per ogni settore che fa da tutor a una ragazza; e queste, come soldati, apprendono ed agiscono facendo passi da gigante ogni giorno. Di sicuro c’è un motivo in più per seguire questa regata.

Commenti

CONDIVIDI