Soldini e Maserati di nuovo insieme

Maserati e Giovanni Soldini di nuovo insieme. Nel biennio 2016-2017 il velista milanese e il marchio del tridente saranno su un trimarano Multi70, battezzato Maserati Multi70, arrivato in acqua per esplicita decisione di John Elkann, presidente di Fiat Chrysler Automobiles (FCA) visto di frequente a bordo del Vor 70.

MULTI70_livery_side2

Soldini e Maserati ancora insieme

Maserati ribadisce così l’impegno come sponsor principale di questa impresa velica e rinnova il legame con Giovanni Soldini e la sua squadra, prolungando per altri due anni il supporto iniziato nel 2013. Accanto al marchio automobilistico sarà presente anche UnipolSai Assicurazioni che ha deciso di sostenere il progetto. Così come si conferma la presenza della casa Ermenegildo Zegna, fornitore ufficiale dell’abbigliamento storicamente legata alle regate con l’indimenticabile Trofeo Zegna di Portofino che per anni ha polarizzato l’attenzione dei media generalisti sulla vela e Boero Bartolomeo per smalti e vernici per lo scafo.

 MULTI70_livery_side

Ciao Vor, benvenuto tri

Non variano i pedi, ma solo il numero degli scafi. Dopo i risultati portati a casa con il monoscafo VOR70, Maserati Multi70 si presenta come un rilancio dell’iniziativa agonistica. Si tratta del “vecchio” Multi70 Edmond de Rothschild, varato nel 2011 e aggiornato fino al 2015 grazie al lavoro svolto dal centro ricerca del Team Gitana. Di sicuro saranno in vista prestazioni da urlo: i trimarani da 70′ sono in grado di navigare agevolmente oltre i 40 nodi.

Parla Giovanni

«Dopo tre anni di soddisfazioni con Maserati VOR70», ha dichiarato Giovanni Soldini,  «nei quali abbiamo percorso almeno 100mila miglia e abbiamo navigato lungo i cinque continenti ottenendo importanti risultati sportivi, è il momento di affrontare nuove avventure. Sono contento di affrontare questa sfida con un multiscafo, Maserati Multi70. Da aprile abbiamo iniziato a conoscere la nuova barca facendo dei test in Bretagna. Non vedo l’ora di salirci a bordo».

A questo punto non ci resta che attendere le prime uscite.

 

 

Commenti