vento-di-sardegna-1

All’arrivo Andrea Mura ha espresso apprezzamento sulla condotta di gara del suo equipaggio e ha commentato Ha funzionato tutto a dovere tranne il vento, sono forse troppo abituato a navigare in oceano in periodi ventosi ed era da molto tempo che non mi confrontavo con una situazione meteo così anomala. Barca e vele sono state poco sollecitate, mentre la nostra pazienza e la cambusa sono state messe sotto stress.  Ha funzionato tutto alla perfezione dal dissalatore al canard realizzato da Lamborghini, ma abbiamo avuto un meteo idoneo solo alla partenza e nella fase conclusiva, troppo poco per dimostrare l’anima corsaiola di Vento di Sardegna”. Ora dopo la premiazione a Malta ci dirigeremo al Porto Turistico di Marina  Ragusa perché domenica 28 ottobre ci sarà un incontro con molti appassionati e sono stato invitato a raccontare le straordinarie imprese oceaniche di Vento di Sardegna nel 2012”.

vento-di-sardegna-2In effetti il 2012continua Andreanon si conclude solamente con diverse migliaia di miglia in più sotto la carena, ma anche con nuovi e prestigiosi trofei da aggiungere in bacheca. E’ stata un’annata davvero memorabile e senza dubbio eccezionale. Un successo che richiede un grande grazie a tutti quanti mi hanno sostenuto: appassionati, shore team, media e naturalmente tutti gli sponsor che hanno creduto nelle mie sfide. Con  Riccardo Apolloni  abbiamo conquistato la Two Handed Transatlantic Race (Twostar: da Plymouth in UK a Newport negli Usa) impiegando 13 giorni 12 ore e 47 minuti, migliorando il precedente record di circa 1 giorno e mezzo. E poi la regata atlantica “Quebec – St. Malo” arrivando al traguardo primo assoluto tra i monoscafi stabilendo il nuovo record di traversata per i 50 piedi in 11 giorni, 15 ore e 59 secondi, riducendolo di oltre 2 giorni rispetto al precedente primato stabilito da Giovanni Soldini. Ora non mi resta che migliorare ancora la barca, realizzare nuove vele molto performanti presso la Veleria Andrea Mura Sail Design e raccogliere l’interesse di chi vuole associarsi ai nuovi progetti atlantici in programma per il 2013”.

 

 

 

 

 

 

 

Commenti