minitransat-2015-italiani-big

La Mini Transat – Îles de Guadeloupe 2015 (questo il nome per esteso) è arrivata alla 20a edizione. Per la seconda volta nella sua storia, iniziata nel 1977, il percorso torna a essere quello originario con partenza dal porto bretone di Duardenez. Da qui, il 19 settembre prossimo i 72 velisti iscritti faranno rotta su Lanzarote alle Canarie, dove i Mini 6.50 si fermeranno fino al 31 ottobre, data della partenza della seconda tappa della regata: la traversata vera e propria che si dovrebbe concludere circa tre settimane dopo a  Pointe-à-Pitre, in Guadalupa. 2.700 miglia nautiche di regata dalla Francia i Caraibi, la più lunga regata in solitario per le barche più piccole. Una competizione capace di stregare velisti di ogni età e provenienza. Tra il più giovane partente, il 22enne francese, Quentin Vlamynck, e lo spagnolo Carlos Lizancos, il più anziano tra i navigatori al via, corrono 34 anni.

 

I nostri velisti pronti per il grande salto

I rappresentati italiani sono sei, in ordine alfabetico: Alberto Bona, Federico Cuciuc, Andrea Fornaro, Andrea Piendibene e Michele Zambelli. Ecco un loro rapido profilo.

 

alberto-bonaAlberto Bona – Onlinesim

Genovese di 29 anni, è alla sua seconda edizione della regata. Ottimo curriculum sia in equipaggio in regate Irc sia in solitario, tra cui un quinto posto alla scorsa Mini Transat, primo alla Mini Barcellona, alla Transtyrrenum e alla Air valencia e secondo classificato al Gran Premio d’Italie 2015. In regata con il prototipo Onlinesim, uno sviluppo realizzato da Andrea Caracci su un progetto Sam Manuard, terzo classificato nel 2010 nella regata Les Sables-Les Açores-Les Sables. 

 

alberto-bona-onlinesim

Commenti