mascalzone2

Quinta e ultima tappa dell’anno, quella di Napoli è stata una prova dove i Mascalzoni hanno tirato fuori gli artigli con due vittorie, senza tuttavia cercare di strafare e senza sopratutto perdere d’occhio gli avversari più diretti nella classifica generale del campionato. Una strategia difensiva, quella sul campo di Napoli, dove Vincenzo Onorato non regatava più da molto tempo. Avendo quindi un vantaggio abbastanza confortevole all’inizio dell’evento, l’equipaggio ha preferito non prendere grossi rischi e portare a casa un risultato che potesse premiare gli sforzi fatti durante tutta la stagione.

La vittoria di Napoli ripaga infatti un’annata ricca di soddisfazioni, iniziata con un buon esordio (secondo posto) a Loano lo scorso aprile, seguita dalla vittoria della tappa di Portoferraio, a fine maggio, e dalla brillante prestazione di Porto Cervo, dove la tappa valeva doppio in quanto in palio c’era anche il titolo Europeo, vinto proprio da Mascalzone Latino. A Malcesine (terzi) gli uomini di Onorato hanno saputo confermare la propria leadership e dopo un mondiale ad alti e bassi (settimo il risultato finale), la non brillantissima prova di Napoli ha comunque consentito ai Mascalzoni di non farsi rosicchiare il vantaggio costruito tappa dopo tappa. Mascalzone Latino conferma quindi il suo stato di forma, ottenendo, oltre al titolo Europeo, anche il secondo dei tre obiettivi più importanti del 2012.

Sono contento di aver vinto finalmente a Napolicommenta entusiasta Onorato -. L’ultima volta ci ero già andato vicino con la Capri Sailing Week, nel 2009, ma proprio a Napoli erano 32 anni che non alzavo una coppa al cielo: nel 1980 infatti vinsi la Tre Golfi negli Half-Ton. E’ davvero una bella sensazione poter finalmente festeggiare davanti al pubblico di casa. Ed è stata una soddisfazione ancora più grande quella di poter condividere questo successo con i ragazzi Down dell’AIPD Roma con cui, una settimana fa, abbiamo disputato la Barcolana. Hanno così potuto vedere da vicino i Mascalzoni in azione anche in un week-end dove il vento si è fatto davvero desiderare“.

L’equipaggio di Vincenzo Onorato a Napoli ha potuto contare, oltre all’armatore-timoniere, sul solito Nathan Wilmot alla tattica, Flavio Favini alla randa, Andrea Ballico e Lorenzo De Felice alle scotte, Matteo Savelli alle drizze, Iztok Knafelc all’albero e Daniele Fiaschi a prua e sul coach Marco Savelli. Eccezionalmente assenti Alberto Bolzan e Stefano Ciampalini, impegnati nella 33ma Rolex Middle Sea Race.

Classifica generale Audi Melges 32 Sailing Series 2012:
1.    Mascalzone Latino, Vincenzo Onorato/Nathan Wilmot – 130 punti
2.    Fantastica, Lanfranco Cirillo/Michele Paoletti – 133 punti
3.    Audi F.lli Giacomel, E. e V. Pavesio/Gabriele Benussi – 151 punti

Seguono 22 equipaggi

Commenti