Un 60’ appena varato, tre 47’ e un 40’ di Carkeek in carbonio per regatare in IRC, il secondo di una serie di Farr 280, un cat su foil di 34’, una serie di classici dragoni in vetroresina tirati al massimo in ogni dettaglio più pezzi e pezzettini.

 

Questo è parte di quello che si trova in costruzione sotto al tetto di Premier Composite Technology a Dubai… e solo per parlare del settore nautico. Saranno “esotici” il sito e i prodotti, ma il responsabile della produzione di tutto ciò è un veneziano, tale Giorgio Cecchinato. Quando sento parlare di “fuga di cervelli” penso che l’espressione sia totalmente inappropriata: i “cervelli” e le “braccia” non fuggono, vanno dove questi servono e dove si sentono a proprio agio. Sarebbe come accusare i fiumi di colare verso il basso invece di risalire le montagne.

 

Dalle guerre si fugge, verso le opportunità ci si va volentieri e magari ci si lancia pure a capofitto. E’ lo stimolo per opportunità vincenti a smuovere e determinare il successo, non il disgusto per l’ambiente in cui si vive.

 

Commenti

CONDIVIDI