La-buona-fonda

Scegliere il primo posto barca che capita o quello più economico potrebbe non essere infatti una scelta vincente.Proviamo a individuare quali potrebbero essere dei criteri su cui basarsi nella scelta quando si è alla ricerca di un ormeggio

 

Nautilus-pontile-del-Fico1. La sicurezza dell’imbarcazione

Al primo posto va senza alcun dubbio la posizione del posto barca in termini di sicurezza. Per quanto possa essere piccola o “anziana”, la barca è sempre un bene di un certo valore e a tutti piace dormire sonni tranquilli. Le prime cose da valutare sono perciò le caratteristiche meteorologiche della zona: Quanto è protetto il porto? Quali sono i venti di traversia? Considerando le mareggiate più frequenti, entra onda in porto? Cosa succede normalmente? Una prima idea possiamo farcela semplicemente osservando come è posizionato il marina, l’orografia e conoscendo i venti. Ma per essere più tranquilli possiamo chiedere agli esperti locali (pescatori, velisti, marinai, skipper ecc), consultare i comuni portolani o chiedere ad una delle varie community di naviganti presenti sul web.Il passaparola in questi casi è utilissimo, basta saper scegliere le fonti attendibili! 

 

Il discorso dei posti barca lungo fiumi e canali è invece un pochino più delicato, a seconda delle situazioni la vostra barca potrebbe essere molto al sicuro oppure molto a rischio… In questi casi le mareggiate non sono quasi mai un problema ma è bene informarsi sulle condizioni della foce, assicurandosi che non vi siano ostacoli o secche che rendano rischioso il rientro e l’uscita in mare. Le piene, altro aspetto importante dei fiumi, non sono un problema a patto che vi siano dei sistemi di controllo efficaci. Anche in questo caso chiedete a chi sul fiume ci lavora, saprà certamente darvi delle indicazioni!

 

Un ultimo fattore da non sottovalutare è la posizione della barca rispetto ai venti di traversia. Prendere le onde di prua è infatti la cosa più sicura da fare anche quando si è all’ormeggio: la barca non sbanderà troppo, gli alberi non rischieranno di incastrarsi tra loro e potrete limitare il fastidioso rollio.

 

Marina-degli-aregai2. Punti di interesse

Lasciare la barca in un porto per mesi non deve significare necessariamente non vederla mai. Un buon posto barca dovrebbe consentire qualche uscita nei weekend o durante le domeniche di bel tempo. Assicuratevi che a poche miglia di navigazione siano presenti delle calette dove poter fare qualche bagno o passare la notte in rada!

 

3. Comodità di accesso

Un buon posto barca dovrà essere facilmente raggiungibile sia da terra sia dal mare. L’ingresso in porto  deve poter avvenire in pochi minuti sia per questioni di sicurezza sia di comfort. Per esempio, se il posto barca, situato lungo un canale, prevede il passaggio sotto qualche ponte mobile, fate attenzione: verificate bene orari di apertura del ponte e la frequenza! Aspettare 10 minuti non è un problema, ma stare fermi ore…

 

Lo stesso vale per la praticità di accesso da terra. Purtroppo il tempo a disposizione nei weekend è limitato perciò, onde evitare di passare il sabato e la domenica nel traffico, conviene chiedersi: Quanta strada dovrò fare per raggiungere il porto? Si tratta di autostrada o di vie a lenta percorrenza? Tendono a crearsi ingorghi dutante i giorni di esodo?

 

4. I servizi del marina

La gamma dei servizi offerti all’interno dei porti turistici è ormai molto ampia: si va dalle docce alla SPA, dalle piccole riparazioni al cantiere per megayacht, dalla corrente elettrica al servizio wi-fi. Ma quali di questi servizi sono realmente indispensabili? Solo voi potete sapere in modo preciso cosa sia più utile alla vostra barca e all’equipaggio ma proverò a tracciare qualche linea guida. WC comodi e puliti, docce, corrente elettrica e acqua non dovrebbero mai mancare per un ormeggio a lungo termine, pena: un reale e intenso disagio!

 

Salendo il gradino successivo, trovo che siano decisamente utili l’assistenza all’ormeggio (anche se siete maestri della manovra), una sorveglianza notturna, un comodo parcheggio, qualcuno in grado di effettuare riparazioni nei paraggi e un bar. A questo punto già non dovreste sentire la mancanza di nulla ma, volendo stare in una botte di ferro, potrebbero essere utili:

– un market

– un noleggio bici, scooter o auto

– un ufficio informazioni

– un cantiere navale, anche piccolo ma che abbia la possibilità di alare la vostra barca ed effettuare la maggior parte dei lavori di riparazione

– la sorveglianza diurna

– internet wi­fi

– un bancomat

– un rimessaggio

– un ristorante-­pizzeria

 

Marina-del-Fezzano5. Dovreste sentirvi a casa!

Come ci ha fatto giustamente notare un velista nostro amico, il marina dovrebbe dare una sensazione di accoglienza e serenità. Per questo consiglio di tenere in forte considerazione anche se il porto che ospita il posto barca vi piace. Quest’affermazione potrà sembravi banale, ma credetemi, non lo è. La vostra barca, e quindi anche il porto, devono essere un’alternativa piacevole al tram tram quotidiano delle città, in caso contrario qualcosa non va.

 

Non serve necessariamente la SPA ma se è presente un giardino, uno yacht club, un bel bar o altro per rilassarsi a terra dopo una giornata di mare, ben venga! Nella scelta, considerate anche la vostra indole: se volete privacy e serenità optate per un piccolo porticciolo fuori dal centro abitato, se invece amate stare in mezzo alla gente, un pontile lungo la passeggiata cittadina o un grosso marina potrebbe essere più congeniale.

 

6. Ultimo ma non ultimo il prezzo

Ancora oggi purtroppo pochi marina pubblicano il listino sul loro sito web o acconsentono all’inserimento dei prezzi nelle pagine dei portali. Per questo dovrete spesso chiedere personalmente un preventivo per il posto barca. Saremo facilmente tutti d’accordo nell’affermare che: «meno si spende e meglio è», ma non dimenticate di tenere presente cosa vi offrono per quella cifra!

 

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con gli amici del gruppo “Velisti in Facebook”. Ringrazio tutti per i loro preziosi pareri!

 

Sira Sylla

Commenti