cammas-horn-1

Il marchio di occhiali sportivi Julbo quest’anno ha scelto di sfruttare il suo testimonial Franck Cammas per un’impresa che farà felice un velista che sarà selezionato per un’avventura in su un Catamarano Nacra F20 Carbon Fcs, con tanto di foiler per navigare volando sopra l’acqua. 

 

Uno skipper da leggenda

cammas-horn-3Franck Cammas è uno dei più titolati navigatori francesi: ha vinto la Route du Rhum, la Volvo Ocean Race e la piccola America’s Cup sui catamarani di Classe C, oltre a essere lo skipper di Groupama Team France, la sfida transalpina alla 35a Coppa America. Quando Julbo, suo supporter tecnico per quasi quattro lustri, gli ha comunicato l’iniziativa il Piccolo Mozart della vela ha così commentato: «Avevo tre sogni: vincere la Volvo Ocean Race e l’ho realizzato; al secondo ci sto lavorando adesso: partecipare all’America’s Cup. Il terzo è circumnavigare Capo Horn su un cat volante».

 

cammas-horn-2Un prodiere da scegliere

C’è anche un’ulteriore parte interessante della sfida che il velista e il suo sponsor hanno deciso di intraprendere. Il compagno di equipaggio del francese, sarà infatti selezionato tra tutti coloro che si candideranno entro settembre, postando nella pagina della sfida pensata da Julbo e Franck Cammas entro il 31 agosto 2015, il proprio curriculum nautico e una breve presentazione, con intervista e immagini video delle proprie abilità marinare. In base a questa prima rassegna saranno scelti cinque candidati che verranno poi invitati a Lorient, a Settembre, per una sessione di allenamento dove dovranno mostrare la loro esperienza a bordo di derive e catamarani sportivi e da cui emergerà l’eletto che affronterà 10 giorni di test e di prove nei canali della Patagonia La sfida vera e propria sarà a novembre 2015 quando gli aspiranti coequiper dovranno mostrare la loro esperienza a bordo di derive e catamarani sportivi.

 

E ora via a doppiare capo Horn in cat 

cammas-horn-4La prima sfida che il duo dovrà affrontare prima della circumnavigazione vera e propria di Horn è il trasporto in Cile, a Puerto Williams per la precisione, del catamarano. Da qui poi il Nacra F20 Carbon FCS arriver da Puerto Toro, l’unico centro abitato sotto il 55esimo parallelo sud: se si escludono le stazioni di ricerca è il più meridionale avamposto regolarmente abitato, anche se solo da una cinquantina di persone. 

 

Il mezzo di appoggio

Il piccolo cat con a bordo i due intrepidi velisti, sarà scortato dalla barca appoggio Xplore, un 67′ in alluminio al comando di Stephen Wilkins che si occuperà della logistica e della sicurezza nei canali della Patagonia. Come prima impresa il Nacra punterà le prue su un ridosso nei pressi del mitologico capo, in attesa di navigare per le 100 miglia necessarie a circumnavigarlo. Terminata la parte a mare, l’equipaggio proseguirà a piedi salendo lungo le scogliere di Horn per incontrare il guardiano del faro e la sua famiglia. È una promessa che si era fatto Cammas quando aveva parlato con il guardiano del faro durante i suoi vari giri del mondo. Nel suo ultimo trofeo Jules Verne il dialogo tra il velista e il guardiano fu di questo tenore: «Da dove vieni?», «Da Brest, Francia», «E dove vai?» «Brest, Francia», «…tu sei matto, francese».

 

La barca della sfida

Il Nacra F20 Carbon FCS (Flight Control System), è stato progettato dal duo Morrelli e Melvin, già attivo con la Nacra per il cat olimpico Nacra 17, in cui così bene stanno figurando i nostri Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri. Tutto in carbonio, dall’albero ai foil, passando per gli scafi raggiungere una velocità di oltre 30 nodi e si comincia a navigare in foiling già con sette nodi d’aria.

Commenti