americas-cup-napoli-20aprile-1b

Un’altra giornata di emozioni a Napoli per l’America’s Cup World Series 2013. Occhi puntati fin da subito sulla semifinale di match race che vedeva impegnate Luna Rossa Piranha e Luna Rossa Swordfish in un derby all’ultimo bordo e con l’incognita dei danni riportati ieri dal team di Francesco Bruni dopo l’incidente con Emirates Team New Zealand nei quarti di finale, e il ritiro nella regata successiva. Che Swordfish avremmo visto oggi? In che condizioni era lo scafo danneggiato?

luna-rossa-derby-2Tattica impeccabile
Le risposte arrivano fin dal secondo bordo, quando, dopo una partenza anticipata da entrambi gli AC45, con doppio recall, Francesco Bruni dimostra tutte le abilità come tattico e non sbaglia nemmeno una mossa, portando il catamarano sempre in lay line e diminuendo così al minimo le manovre da fare. Un fatto non da poco in condizioni di vento leggero. Passato in vantaggio, il velista siciliano a bordo di Swordfish è poi abile a mantenere calma e concentrazione, controllando per il resto della regata gli avversari e andando a vincere la prova con un buon margine su Chris Draper e Piranha.
Grazie alla vittoria contro Piranha, Francesco Bruni e compagni conquistano così l’accesso alla finale di match race, in programma domani alle ore 14:00 contro Oracle Team USA di Tom Slingsby, che nell’altra semifinale è riuscito ad avere la meglio sul britannico Ben Ainslie e il suo JP Morgan. Con una regata impeccabile portata a termine senza mezza sbavatura.
In partenza siamo partiti entrambi in anticipo – ha dichiarato Francesco Bruni al termine della prova – per quanto ci riguarda siamo però riusciti a rimanere sopravento a Piranha, e questo ha fatto la differenza, in positivo, per noi. Circa il danno di ieri, i ragazzi sono stati davvero bravissimi, hanno lavorato tutta la notte. Stamattina quando ho visto lo scafo riparato non potevo credere ai miei occhi, al gran lavoro che erano riusciti a fare in così poco tempo. C’è già una bella bottiglia di vino pronta per loro!

americas-cup-napoli-20aprile-6Nelle regate di flotta c’è solo Emirates Team New Zealand
Tante emozioni oggi anche nelle due regate di flotta disputate dopo i match race, con i kiwi di Emirates Team New Zealand veri e propri protagonisti di giornata con una splendida doppietta. Il team di Dean Barker è riuscito infatti a imporsi in entrambe le prove. In gara 1 gli all blacks hanno avuto la meglio su Oracle Team USA, secondo, e Luna Rossa Piranha, terzo (solo 5° invece Swordfish), mentre in gara 2 hanno saputo resistere agli attacchi di Luna Rossa Swordfish, secondo (ma che bravo, ancora una volta, Francesco Bruni, sempre in regata fino all’ultimo bordo), JP Morgan BAR, terzo e Luna Rossa Piranha, quarto.
Alla luce dei risultati di oggi, Emirates Team New Zealand scalza Ben Ainslie dalla vetta della classifica provvisoria, portandosi al comando con 60 punti. Dietro, secondo posto con 55 punti per Oracle Team USA, sempre più continuo nei risultati, davanti a JP Morgan BAR (52 punti) e Luna Rossa Piranha (50 punti). Sesto posto in classifica provvisoria dietro a Energy, invece, per l’altra Luna Rossa, Swordfish, fermo a 40 punti.

americas-cup-napoli-20aprile-4Domani tutto è possibile
Con quattro team racchiusi in 10 punti, domani tutto è possibile nell’ultima regata di flotta, grazie anche al punteggio che assegnerà ben 40 punti ai vincitori. E le emozioni non mancheranno certamente nemmeno nella finale di match race, con Luna Rossa Swordfish pronta ad accendere il pubblico di casa nella sfida con Oracle Team USA. La diretta in streaming avrà inizio alle ore 14:40 su Sailing & Travel Television.

Commenti