Non si sa ancora molto sulle dinamiche dell’incidente, ma le prime notizie sono delle peggiori. Andrew Simpson, velista del team Artemis, ha perso la vita nel pomeriggio di giovedì 9 maggio dopo una violenta scuffia dell’AC72 svedese durante gli allenamenti di ieri.

Un suo compagno è stato ricoverato in gravi condizioni, con altri 9 velisti rimasti feriti in maniera più lieve. Il vento era sostenuto, come riporta Paul Cayard, CEO della campagna svedese in America’s Cup. “L’intero team è devastato per quello che è successo – ha dichiarato l’ex skipper del Moro di Venezia – Le nostre più sentite condoglianze vanno alla moglie di Andrew e alla sua famiglia.”

Secondo quanto comunicato dal portavoce dei Vigili del Fuoco di San Francisco, Mindy Talmadge, nella scuffia due persone, tra cui Simpson, erano rimaste gravemente ferite e trasportate immediatamente a riva per un massaggio cardiaco. Per Simpson, rimasto secondo le prime ricostruzioni sott’acqua per 10-15 minuti, non c’è stato nulla da fare.

Andrew Simpson, britannico, 36 anni, era stato oro Olimpico a Pechino nel 2008.

 

Commenti