americas cup challenger of record ok

Archiviata la vittoria di Oracle Team USA ai danni di Team New Zealand, l’America’s Cup inizia il cammino verso la 35esima edizione della Coppa. E lo fa con la sfida lanciata al Defender Larry Ellison dall’australiano Bob Oatley (nella foto in alto in una foto premonitrice con James Spithill e la Coppa delle 100 ghinee), che permette all’Hamilton Island Yacht Club (HIYC) di diventare il Challenger of Record della prossima America’s Cup. 

 

americas cup challenger of record 2Magnate del vino e da sempre appassionato di vela ad alti livelli (sono suoi i maxi yacht della serie Wild Oats, nella foto a destra), Oatley permetterà all’Australia di tornare in America’s Cup dopo ben 13 anni di assenza (l’ultima apparizione è nel 2000). Ora si tratta di capire quali saranno le modalità della prossima Coppa, a partire dalla scelta delle date (si parla di 2017), del luogo (ancora San Francisco?) e soprattutto del tipo di barche utilizzate (sempre multiscafi, ma meno impegnativi degli AC72?). La decisione finale spetta al Defender, non prima però di aver consultato il Challenger of Record, i possibili sfidanti e, soprattutto, i possibili sponsor.

 

A proposito di sfidanti, al momento non si va oltre alle semplici indiscrezioni: si parla ovviamente di Luna Rossa, nonostante il duro colpo della sconfitta di New Zealand (in caso contrario sarebbe stata proprio Prada a diventare Challenger of Record), di Artemis (fuori Cayard, dentro Iain Percy), di un possibile team inglese messo in piedi dal quattro volte oro olimpico Ben Anslie e di un altro team svedese capitanato da Nikklas Zennstrom, l’inventore di Skype che ormai da molti anni, venduta la società a Microsoft, si diverte a girare il mondo con i suoi Ran (TP52 e Mini Maxi). Oltre alla sfida più affascinante: quella che potrebbe lanciare il francese Franck Cammas, vero e proprio guru dei multiscafi. E Team New Zealand? Dopo le lacrime alla fine dell’ultima regata, sarà difficile capire quale sarà il destino dei kiwi. Si sa che la loro è una sfida che si basa molto sui finanziamenti dello stato (in passato era stato istituito anche il Ministro all’America’s Cup), ma il nuovo governo, in clima di austerity, sembra voler dare un taglio deciso ai finanziamenti. 

Commenti

CONDIVIDI