bvi-spring-regatta

Tutto ciò che immaginate sui Caraibi in primavera è vero. Sole, vento e posti incredibili. E soprattutto tante barche, anche molto agguerrite, pronte a sfidarsi tra le boe naturali costituite dalle isole delle British Virgin Islands. É la BVI Spring Regatta & Sailing Festival, l’appuntamento che da 43 anni anima l’inizio primavera (è in programma dal 31 marzo al 6 aprile) nelle acque del Sir Francis Drake channel. La base è il Nanny Cay Marina a Tortola, l’isola principale. Qui, l’ultimo di marzo prende il via il Sailing festival con la Dj and Beach BBQ e il Mount Gay Welcome Party (sì, anche le idee che vi siete fatti sul rum dei Caraibi e sul suo consumo sono corrette).

 

Il primo d’aprile il periplo dell’isola Round Tortola Race, inaugura il festival. A seguire, il giorno dopo, il Caribbean Insurer Island Invitational, una sfida a inviti per 50 yacht che si conclude con un pomeriggio in spiaggia. E ancora attività da spiaggia il giovedì 3 con il Maritime Heritage/Layday sempre a Nanny Cay: diving, dolphin discovery, snorkeling, ma anche kite surf e stand-up paddling. In più, la gara fra Laser dei giovani velisti del Royal BVI Yacht Club Youth Programme, il circolo organizzatore, supportato dalla Camera di commercio e associazione alberghiera locale (BVICCHA).

 

Durante i tre giorni della Bvi Spring Regatta anche una sfida nella sfida, la International Yacht Club Challenge premierà con una settimana di charter Sunsail l’equipaggio più meritorio tra i team provenienti dalle varie nazioni. Da ricordare l’abbondante presenza di feste sulla spiaggia con musica dal vivo (e ricordate l’idea sul rum che dicevamo, ecco…), praticamente tutte le sere. «La Bvi Spring Regatta è tra le prime quattro regate caraibiche per affluenza e prestigioe in assoluto è tra le più conosciute e apprezzate competizioni veliche dell’aria dei Tropici. Partecipano sia professionisti sia semplici appassionati e c’è spazio per tutti indipendentemente dalla preparazione: qualcuno compete, altri seguono a bordo delle barche spettator, c’è chi si dedica a imparare e chi semplicemente vuole fare parte della festa», spiega Judy Petz, direttrice della BVISR and Sailing Festival.

 

Commenti