varo-alvimedica-1

L’inizio sa di barzelletta, c’erano due americani, un turco e un norvegese, ma lo sviluppo pare tutt’altro che comico. I due americani sono Mark Towill e Charlie Enrigh, due ragazzi che dopo essersi conosciuti sette anni fa su un set di un film sulla vela targato Disney, hanno deciso di partecipare alla Volvo Ocean Race. Vista l’aura da fiaba del contesto iniziale, le parole pronunciate da Frostad (il norvegese di cui sopra, amministratore della regata), in occasione del varo celebrato negli scali del cantiere Green Marine hanno evidenziato l’eccezionalità dell’evento e di come la parte fiabesca stia per essere messa un po’ da parte a favore dell’impegno e del sudore: «È un momento di grande orgoglio: Mark e Charlie mi ricordano me stesso quando avevo la loro età, non hanno paura, ma solo una grande voglia di partecipare alla regata. Sono riusciti a superare molti, molti ostacoli per raggiungere questo momento e per trovare lo sponsor ideale per loro. Ma è ora, in molti sensi, che inizia il duro lavoro». 

 

La vela al centro

varo-alvimedica-4E con lo sponsor arriva anche il turco. Cem Bozkurt è l’amministratore di Alvimedica, la multinazionale con base a Istanbul attiva nel medicale con particolare attenzione alla cardiochirurgia. Dopo aver conquistato buona parte del mercato europeo grazie anche alla fusione con l’italiana CDI, ha deciso di puntare al Nord America e ha trovato nell’approccio globale della regata un valido veicolo di promozione. Ha spiegato l’Ad turco: «In un primo tempo il nostro sailing team era composto da nostri dipendenti, e ha ottenuto successi significativi in molte regate, prima che identificassimo la vela come il punto centrale delle nostre politiche di attivazione nello sport, due anni fa. Oggi il nostro obiettivo è di competere con velisti di alto livello. Abbiamo puntato, con il cuore, alla Volvo Ocean Race e vogliamo far conoscere Alvimedica a un pubblico più ampio in tutto il mondo, usando un evento che rappresenta una vera sfida e che attrae l’attenzione di oltre un miliardo e mezzo di persone».

 

Anche un velista italiano?

varo-alvimedica-3Adesso il primo impegno per i due americani, sarà selezionare la rosa degli otto giovani velisti (di cui uno, quasi sicuramente, dovrebbe essere italiano) più il media man scelti in tutto il mondo. Da notare che l’equipaggio si appresta a essere il più giovane della competizione, a partire dalla leadership: Towill, general manager, ed Enright, skipper, hanno entrambi meno di trent’anni. 

 

Il primo appuntamento ufficiale è fissato per il prossimo 4 ottobre ad Alicante, in Spagna, con l’in-port race che dà il via alla Volvo Ocean Race 2014-2015.

 

Commenti