pzero-1

Si dice che ormai i fotogiornalisti non hanno più bisogno di viaggiare per il mondo alla ricerca di nuove storie: oggigiorno sono le storie a trovare noi, attraverso il web e le legioni di citizen journalist, testimoni di ogni evento possibile. Si dice anche non sia più necessario esplorare il mondo: conosciamo ogni angolo del pianeta, non importa quanto nascosto. I ragazzi di Parallelozero invece credono esattamente l’opposto.

pzero-3Non per nulla ogni giorno uno dei loro fotografi scova una nuova e straordinaria storia in luoghi dove il web, non solo è sconosciuto, ma non vi è segno che presto potrà comparire nella locale realtà quotidiana come fonte d’informazione. La maggior parte di queste storie hanno come soggetto gli esseri umani: ascoltando le loro vicende, ci si rende conto che non solo varrebbero la pena di essere sempre raccontate attraverso una collezione di fotografie, ma spesso varrebbero un intero romanzo. In un mondo interconnesso, che si presuppone ormai senza più sorprese, queste storie invece riescono ancora a commuoverci e risultare inattese, alimentando la nostra conoscenza e arrivando spesso a toccare la nostra anima.

pzero-2Queste storie riescono a farci vedere il mondo sempre con occhi nuovi. Questo ci induce a sperare che fin quando ci saranno nuove persone che si affacciano alla vita su questo pianeta, ci saranno sempre nuove storie che vale la pena di raccontare, mentre il mondo varrà sempre la pena di essere esplorato. Su P’ZERO i fotografi di Parallelozero hanno dunque deciso di condividere i loro reportage con chi vorrà seguirli, in modo che tutti possano provare lo stesso senso di meraviglia o di indignazione, sull’onda dello stesso entusiasmo e interesse che i loro fotografi hanno provato quando per primi hanno deciso di raccontarli. E vogliono farlo gratuitamente, con questo primo volume e con tutti gli altri che seguiranno.

pzero-4Su questo numero Sergio Ramazzotti racconta la quotidianità epica e simbolica della Corea del Nord, una nazione enigmatica che tenta di destabilizzare gli equilibri mondiali minacciando le regioni del Pacifico con la bomba atomica. Simone Cerio racconta in maniera molto delicata la storia di una donna che ha consacrato parte della sua vita ad aiutare i disabili in un modo davvero particolare. Alessandro Gandolfi ci mostra l’altra faccia di Gaza, inaspettata quanto positiva, mentre Paulo Siqueira e Nadia Shira Cohen viaggiano lungo il Rio delle Amazzoni dove il carburante è diventato merce di scambio sessuale nei piccoli villaggi sperduti del Brasile settentrionale. Carlo Bevilacqua entra nelle privatissime vite degli eremiti del terzo millennio. Mario Noto analizza la topografia della sofferenza sulle facce dei suoi compaesani di Piazza Armerina, in Sicilia, mentre Francesco Alesi esplora la cattolicissima Irlanda. Bruno Zanzottera, infine, presenta Lize, ragazza disabile che ha preso in pugno la sua vita diventando anche una star della tv olandese.

Commenti