Orient Express

Dal 4 ottobre 1883 al 19 maggio del 1977 l’Orient Express rimase in servizio tra Parigi e Istanbul. L’attività quotidiana continuò ininterrottamente come collegamento di linea, quindi, per 94 anni tranne gli stop provocati dalle due guerre mondiali: nessun treno tra il 1914 e il 1921 e tra il 1939 e il 1945. Per altri 30 anni rimase attivo il servizio quotidiano Parigi-Vienna, successivamente cancellato in modo definitivo il 14 dicembre 2009.

I primi viaggi

Il percorso originale andava dalla Francia alla Romania via Vienna. A Giurgiu, i passeggeri attraversavano in nave il Danubio per atterrare in Bulgaria. Da qui un secondo convoglio su ruote ferrate li conduceva a Varna in Bulgaria. Qui si imbarcavano di nuovo e giungevano a Costantinopoli via traghetto. Nel 1889 la via ferrata raggiunse finalmente Istanbul. Con l’apertura del tunnel del Sempione, nel 1919, fu inaugurata una via a sud, che passava da Losanna, Milano, Venezia e Trieste, conopsciuto come Simplon Orient Express, alternativo e presto più gettonato del vecchio percorso.

L’età d’oro

Negli Anni 30 del XX secolo il servizio e la sua fama raggiunsero il suo apice, con ben tre diverse tratte: l’Orient Express, il Simplon Orient Express, e l’Arlberg-Orient Express, che passava da Zurigo ed Innsbruck per Budapest. Il suo comfort e il lusso di bordo diventarono leggendari: carrozze notturne con servizio permanente e carrozze ristorante celebri per la cucina di altissima qualità. Durante questi anni, fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, salendo in carrozza si potevano incorciare membri di famiglie reali, nobili, diplomatici, uomini d’affari e ricchi borghesi. E per assecondare la clientela un servizio aggiuntivo si estese verso Londra con carrozze letto che collegavano Calais a Parigi.

Orient Express

Stampa dell’anniversario dell’Orient Express – Foto shutterstock.com

Fine di un’epoca

Alla fine degli Anni 70 la concorrenza dei voli aerei e le nuove modalità di turismo, decretarono la fine della linea come era stata dall’inizio. Rimane comunque un treno entrato nella cultura di massa: Dracula di Bram Stoker, Omicidio sull’Orient Express di Agatha Christie, il Treno di Styambul di Graham Greene, il film di James Bond Dalla Russia con amore, una puntata de Lupin III sono ambientati o hanno tra i protagonisti questo leggendario mezzo di trasporto.

Commenti