Kia è uno dei brand automobilistici più “giovani” sulle strade italiane: è arrivato solo nel 1998, l’anno seguente all’acquisizione di Hyundai Motors. Ma in meno di un ventennio è cresciuta nei numeri di vendita e soprattutto nella qualità dei modelli, senza perdere il “plus” del prezzo competitivo.

 

L’impegno a 360° per migliorarsi ha trovato un’espressione più che valida nel nuovo Sorento, che alla terza generazione è nato dal lavoro congiunto dei tre design center in Corea, in Germania e negli States. Si può davvero parlare di una world-suv… Primo aspetto importante: è più grande rispetto alla precedente serie con una lunghezza di 478 cm, una larghezza di 189 cm e un’altezza di 169 cm. L’omologazione è di sette posti per la versione a due ruote motrice e di cinque per quella a trazione integrale. Comunque, tanta imponenza non arriva ad appesantire troppo il nuovo Sorento, grazie al design aggressivo dove il family-feeling degli ultimi modelli Kia è ben integrato dal tetto apribile ribassato, una linea di cintura più alta e ancora una fanaleria sviluppata orizzontalmente.

 

In abitacolo

b2ap3_thumbnail_kia-sorento-3.jpgIn abitacolo, colpisce l’aspetto tridimensionale degli elementi funzionali, come la console centrale e le bocchette di aerazione. “Generoso” a dir poco il pannello del sistema infotelematico, dotato dell’ultima evoluzione dell’HMI (human-machine interface), che è posto alla stessa altezza della strumentazione tachimetrica, mentre quella del climatizzatore è posizionata più in basso. A noi piace molto il volante sportivo a tre razze mentre è evidente l’adozione di materiali di qualità superiore al passato. 

 

b2ap3_thumbnail_kia-sorento-4.jpgBagagliaio da 1732 litri

Quanto al bagagliaio, la minima capacità di carico di 660 litri, altrimenti abbattendo gli schienali si passa a 1732 litri per quella a cinque posti. Le versioni a sette posti, invece, presentano una soglia di carico di 142 litri viaggiando con sette posti attivi, passano a 605 litri togliendo la terza fila mentre abbattendo tutti gli schienali si ottiene una capacità massima di 1662 litri. Ci sembrano valori ideali per chi si sposta con tante persone o si porta dietro la “casa” in barca. 

 

2.2 di cilindrata, 200 Cv

b2ap3_thumbnail_kia-sorento-8.jpgC’è un solo motore in listino per il mercato italiano: il 2.2 di cilindrata in tecnologia CRDI, con potenza complessiva di 200 Cv. Equilibrato, silenzioso e pronto a scattare quando è necessario: del resto la punta massima è di 203 km/h con uno scatto da 0 a 100 km/h in 9 secondi netti. Non male pensando alla mole del mezzo. Il 2.2 è affidato a un cambio manuale a sei marce o a un automatico sequenziale a sei marce, di serie per la top di gamma e in optional per le altre. Se non siete costretti allo stop&go cittadino e avete un piedino esperto, i consumi si mantengono su medie apprezzabili: 17,5 km con un litro per la versione a due ruote motrici, 16,4 km per quella con trazione integrale permanente e 14,9 km sempre per quella 4×4 ma con cambio automatico sequenziale. Le emissioni di CO2 stanno rispettivamente a 149, 161 e 177 grammi di CO2 per chilometro percorso.

 

b2ap3_thumbnail_kia-sorento-7.jpgTre allestimenti

Tre gli allestimenti in listino: il Loft come entry-level, il Feel Rebel come intermedio ed il Rebel al top di gamma. Di serie per tutte le versioni troviamo l’airbag per il passeggero disattivabile e quelli per la testa, antifurto, l’avviso di uscita involontaria dalla corsia di marcia, le barre sul tetto, i cerchi in lega, il climatizzatore automatico bizona, il sistema antiarretramento in fase di salita, il cruise control, i fendinebbia, il navigatore satellitare, la radio con lettore CD e MP3, la connessione Bluetooth, il sedile posteriore frazionato, i sensori di parcheggio con telecamera, il tetto elettrico e i vetri posteriori privacy.
 Per tutte tranne l’entry-level, si aggiungono i fari bixeno, gli interni in pelle, i sedili anteriori ventilati solo per la Rebel e il sedile di guida elettrico per tutte e due. Solamente per la Rebel c’è anche la telecamera 360°. 

 

Prezzi competitivi

b2ap3_thumbnail_kia-sorento-2.jpgIn definitiva, ci sembrano obbligatori solo due optional: il cambio automatico (2.000 euro) che finisce per trasformarla in un giocattolino super rilassante alla guida e la vernice metalizzata (850 euro). Unico pacchetto il Techno Loft, sempre a 2.000 euro, per l’entry-level. Si chiude con i prezzi: 36.500 euro per la Loft 2WD, 41.500 euro per la Feel Rebel AWD e 49.000 euro per la Rebel AWD. Bene, bravi. E un complimento in più per chi ha progettato il tetto con un vetro trasparente che arriva sino al montante del baule: i passeggeri posteriori si sentiranno fortunati come quelli davanti, finalmente. 

 

Guarda tutta la gallery

{igallery id=1307|cid=2541|pid=17|type=category|children=0|addlinks=0|tags=|limit=0}

 

Commenti

CONDIVIDI