Mental Survival

Ignorantia legis non excusat: chi non conosce la legge rischia una pena, ma chi non conosce come funziona il nostro cervello in una situazione di pericolo, rischia molto di piu’.
Come ci si dovrebbe comporta in una situazione di pericolo? Come funziona la nostra mente in caso di stress estremo? Come possiamo sopravvivere e aiutare gli altri a farlo? Bisogna puntare tutto sulla nostra mente. Fabrizio Nannini, fotografo professionista, istruttore di sopravvivenza e responsabile comunicazione della Federazione Italiana Survival Sportivo e Sperimentale, lo dimostra con il libro Mental Survival, Psicologia e tecniche di sopravvivenza mentali per affrontare ogni situazione, Hoepli. Mental Survival spiega, in maniera comprensibile, come funziona il nostro cervello sotto stress e come riuscire a gestire le nostre reazioni nel modo migliore. Un testo, finalmente per tutti, pratico, diretto, approfondito, da leggere, ma soprattutto da metabolizzare. Ognuno di noi può imparare, si tratta di scegliere la modalità di azione in questa nostra realtà quantica, interferendo con ciò che osserviamo. Si tratta di conoscere i meccanismi e usarli a nostro vantaggio, sia che ci troviamo di fronte a un leone nella savana o in ufficio durante una violenta sfuriata del capo che minaccia di licenziarci, per il nostro cervello è quasi la stessa cosa: una minaccia concreta alla nostra sopravvivenza.

Fabrizio Nannini, a destra nella foto, durante un corso survival

Fabrizio Nannini, a destra nella foto, durante un corso di sopravvivenza. Copyright Fabrizio Nannini.

Il Manuale pratico di preparazione alle emergenze individuali e di gruppo, scritto con il pregio di rendere immediata la comprensione di argomenti complessi, presenta una sintesi di studi sulle risposte fisiologiche e neurobiologiche legate comportamento umano in caso di stress, incidenti, calamità naturali. Il testo è diviso in cinque parti, nella prima si tratta in particolare della mente e degli ultimi pi approfonditi studi, nella seconda della figura del survivor ideale, nella terza e nella quarta si scopre come agire concretamente e come prepararsi ad eventuali rischi e, nell’ultima, si possono leggere una serie di interviste a personaggi e atleti come Alex Zanardi a Cody Lundin, Marco Confortola, Alex Bellini, Les Stroud, Mykel Hawke fonte di ispirazione, di coraggio e di resilienza.
Dal capitolo sul cervello emotico al rebound del parasimpatico, dalle analisi delle nostre paure al primo soccorso psicologico, la preparazione fisica, ma soprattutto il mental training per sapere “CHE COSA FARE”, la lettura del testo non serve solo in casi di pericolo estremo, ma ogni giorno, per non mollare mai.

fabrizio nannini

Fabrizio Nannini
Mental Surviving, Psicologia e tecniche di sopravvivenza mentale per affrontare ogni situazione
Hoepli

Commenti