Elizabeth Ostrander

Playmate di Playboy per il mese di dicembre 2014, con tanto di copertina. Elizabeth Ostrander, modella americana di 26 anni, oltre a un corpo mozzafiato ha anche un’enorme passione per la vela. E con le sue foto dimostra quanto questo sport possa essere sexy.

Elizabeth, ma allora la vela può essere sexy? 

«Ma certo, la vela è assolutamente sexy! E poi per un uomo è anche la via più semplice per attrarre le donne! (ride, ndr)».

Com’è nata la tua passione per la vela?

«Ho imparato a timonare una barca prima ancora di imparare a guidare la macchina. Con la mia famiglia noleggiavano spesso barche per le nostre vacanze, per cui ho sempre vissuto a contatto con il mare. Girare il mondo a vela è il mio sogno fin da quando son piccola, e ora lo sto realizzando con mio marito Eric grazie al progetto Sailing Is Sexy.»

Di che si tratta?

«È un modo per permettere alla gente di seguire le nostre avventure mentre siamo in giro per il mondo con la barca. L’idea di base è quella di ispirare le persone affinché seguano sempre i propri sogni, senza aver paura del duro lavoro che ogni sogno richiede. Il nostro sito contiene in pratica la nostra storia, dal matrimonio a San Francisco a quando, tre giorni dopo, siamo salpati prima per le Hawaii e poi a sud, oltre l’Equatore fino a Bora Bora.»

barca a velaSpesso la vela ha un pubblico molto radicale, pensi che accetterà la tua visione?

«Capisco il pensiero della gente, e capisco che la vela sia spesso vista come una cosa da uomini duri con la pelle rovinata da sole e salsedine. Ma io la vivo in maniera differente. Non faccio regate, ma veleggio, e questo ci consente molte navigazioni lente e tanto tempo per stare i bikini, godendoci il relax e sorseggiando cocktail. La vela è qualcosa da godersi al 100%. Il mio obiettivo è stare bene, incontrare splendide persone e mettere piede su isole paradisiache.»

velaQuindi non avete mai ricevuto critiche?

«No, per ora no, ma devo dire che io e Eric non ci siamo mai confrontati davvero con il mondo della vela. Il nostro target sono i giovani professionisti, come dici tu temo che la nostra storia non venga “accettata” tanto facilmente dal mondo della vela.»

Per quello che conta, noi di Sailing & Travel vi accettiamo a braccia aperte…Torniamo allora al lato sexy della vela: qual è il posto migliore per fare sesso in barca?

«Su tutti, sicuramente la nostra cabina! L’Islander Freeport (la loro barca, ndr) ha una cabina armatoriale incredibile, con grandi oblò che danno a poppa. Puoi guardare il tramonto dal letto, con i raggi dorati che brillano sull’acqua. Abbiamo anche un tambucio proprio sopra la testa, che ci permette di vedere le nuvole passare e, di notte, le stelle brillare nel cielo. È un panorama incredibile.»

È più semplice scattare foto nuda a bordo di una barca?

«La barca a vela è la nostra isola personale, non ci sono altre regole se non le tue. È più facile scattare qui, perché a bordo sono nuda tutto il tempo. Uno studio assomiglia più all’ufficio di un dentista, è un posto freddo e non famigliare a cui devi adattarti. La tua barca è la tua casa, e in nessun altro posto può avere più confidenza.»

Quindi immagino che pratichi naturismo a bordo.

«Faccio del mio meglio! (sorride, ndr)».

Secondo te, come mai nella vela non ci sono tante atlete attente all’aspetto estetico, come ormai capita in tutti gli altri sport?

«Bella domanda, hai ragione! Non saprei dirti il motivo, ma facciamo che voto per più playmate di Playboy nella vela!».

Chi sono per te i velisti, uomo e donna, migliori al mondo?

«L’uomo è Ponce De Leon, il famoso esploratore spagnolo che nel 1513 scoprì Saint Augustine, in Florida. È il luogo in cui sono nata, per cui è una scoperta che mi sta particolarmente a cuore. Tra le donne, dico Samantha Davis, ha un’incredibile personalità. Adoro il suo amore per la navigazione.»

E i più sexy?

«Siamo noi, ovviamente! (ride, ndr)
».

Il luogo più bello visto in barca?

«Per ora, il Pacifico Meridionale. Ma magari l’Europa mi piacerà altrettanto, non vedo l’ora di navigare in Italia, ancora mi manca e spero di riuscirci il prossimo anno. Che dici, me la consigli?».

Credo che i velisti italiani ne sarebbero entusiasti… Chiudiamo con i tuoi sogni: prima quello da navigatrice…

«Essere sexy e andare a vela per sempre…».

Elizabeth OstranderApprovo. E quello professionale?

«Ora che ho avuto la copertina di Playboy e sono diventata una playmate, due cose che ho sempre sognato, adesso sono interessata al mondo del cinema.»

Bene, aspettando di vederti nel Mediterraneo, non mi rimane che chiederti un saluto per i lettori di Sailing & Travel Magazine…

«Posso solo dirgli di godersi il mondo navigando con la passione nel cuore. Con amore, Elizabeth».

Commenti