b2ap3_thumbnail_Tristan_da_Cunha-big.jpgNessun’altra isola abitata si trova più lontana dalla terraferma di Trista da Cunha. Città del Capo in Sud Africa, la città più vicina, è a 1511 miglia, (2.816 chilometri), sette giorni di navigazione.

Tristan da Cunha, che appartiene alla Corona britannica dal 1816, sono 98 chilometri quadrati nati da una eruzione vulcanica nell’Oceano Atlantico, scoperti dall’avventuriero portoghese Tristão da Cunha nel 1506. Secondo il Guinness dei primati è la più remota isola abitata del mondo. Rifugio di naufraghi e cacciatori di balene, talmente inospitale che perfino gli esploratori la sconsigliarono come luogo dove vivere a causa del suo aspro paesaggio montano, la mancanza di un porto naturale, di terra per l’agricoltura, la pioggia e il vento forte in tutte le stagioni.

 

b2ap3_thumbnail_Tristan_da_Cunha-2.jpgNon c’è aeroporto. Pinguini e albatros superano di gran lunga il numero degli esseri umani, 268, dispersi in un villaggio di un centinaio di casette bianche. Solo sette i cognomi, di cui due di origine ligure, dei discendenti dei naufraghi camogliesi Andrea Repetto e Gaetano Lavarello che nel 1892 decisero di rimanere qui. L’isola vive di pesca, delle pecore, dei francobolli richiesti dai collezionisti di tutto il mondo e del commercio della Tristan rock lobster, un’aragosta prelibata esportata a bordo delle sei navi che la raggiungono ogni anno per i rifornimenti.

 

b2ap3_thumbnail_Tristan_da_Cunha-3.jpgOggi, Tristan da Cunha chiede aiuto al mondo. I suoi 23 studenti hanno bisogno di un insegnante. «Un’occasione per insegnare in una comunità unica e fare una reale differenza per la nostra scuola», recita l’annuncio appena pubblicato sui quotidiani inglesi: «Il viaggio sarà epico e sarete accolti da una comunità amichevole. Richieste eccellenti capacità relazionali e apertura all’avventura, che vi aiuteranno a integrarvi e adattarvi a vivere in un luogo così remoto». Chi pensa di avere i requisiti può inviare il CV e una breve lettera di presentazione a [email protected]. Altre informazioni più dettagliate si trovano nel sito ufficiale dell’isola. Le candidature potranno essere spedite fino al 30 ottobre, da novembre inizieranno le selezioni. Contratto della durata di due anni. Pare che le richieste siano centinaia. Per prepararsi al viaggio:  L’isola deserta e altri scritti di Gilles Deleuze. 

Commenti

CONDIVIDI