out_islands_bahamas

Gran Bahama, New Providence? Solo una tappa tecnica, regno di giocatori d’azzardo e irriducibili nottambuli. Sono le Out Islands le nuove isole del desiderio dei grandi viaggiatori e dei navigatori stanchi delle solite rotte, ma anche di celebrities come Johnny Depp e Nicholas Cage che si sono accaparrati piccoli Eden privati da due milioni e mezzo di euro e più.

Una trentina di isole abitate e 700 disabitate, selvagge, da scoprire in barca, prima che vengano colonizzate dai grandi complessi alberghieri. A Eleuthera, si dà fondo nelle  acque di cristallo di Club Med Beach o a Lighhouse Beach, spiaggia meravigliosa con un antico faro a picco sull’oceano.  Si naviga a vista tra la miriade di isolette come Harbour Island, al largo della costa Nord, la nuova Saint Barth, un ‘oasi di tre miglia di sabbia rosa. L’unico rumore è quello della brezza calda che accarezza una piantagione di alberi di cocco e casuarine. I velisti di tutto il mondo di danno appuntamento ai due marina di Dunmore Town, villaggio coloniale del Settecento, sfilata di  casette colorate allineate lungo la Bay Street. Irrinunciabile per l’aperitivo, o il tè delle cinque, la terrazza sul porto del The Landing, albergo dell’Ottocento, stile coloniale, very british.

Anche a  Great Exuma e Little Exuma, circondate da centinaia di isolette l’atmosfera è rimasta quella del romanzo Isole nella corrente di Hemingway. Le foto appese alle pareti del Peace & Plenty Club di George Town, capitale dell’arcipelago, raccontano una storia di leggendarie battute al marlin e al pesce vela. A Stocking Island ci si immerge ( solo con una guida esperta) nel  Mistery Cave, buco blu, popolato di pesci colorati. Mentre a Stantiel Cay, si nuota nella Thunderball Cave, la famosa grotta di 007. Ma l’ attrazione fatale è l’Exuma Cay Land& Sea Park, riserva marina e terrestre con fondali straordinari, protetti dalla barriera corallina lunga chilometri.  In superficie, sulle lingue di terra e di sabbia che affiorano dall’acqua, si è accolti da pacifiche iguane e da uccelli marini. Ma ci si può anche spingere verso l’arcipelago di Abaco, il più settentrionale delle Out Islands, paradiso per le immersioni e la pesca. Gettando l’ancora davanti all’isolotto di Elbow Cay o approdando a Man-O-War Cay,  centro velico e punto di partenza per le battute di pesca. Per finire la giornata nel magnifico villaggio di Hope Town, fotografato come una top model. 

Commenti

CONDIVIDI