Si viaggia per molte ragioni. Per “manifestare la propria essenza” scrive André Gide nel Viaggio di Urien, sfidare il mondo delle abitudini, inseguire illusioni e utopie.

 

Ci si mette in cammino per spirito di avventura come Henry Melville che non avendo nulla che lo interessasse a terra pensò di darsi alla navigazione e “vedere la parte acquea del mondo” oppure, semplicemente, si viaggia per “procurarsi fama con imprese fuori dal comune” come Robinson, per noia come il fannullone di Eichendorff, per “risolvere questioni insolubili“, scrive Moravia.

 

Il viaggio, metafora dell’esistenza umana, è stato il tema centrale della letteratura a sfondo fantastico, come Alice nel Paese delle meraviglie o nei Voyages Extraordinaires di Jules Verne. Partire significa perdere i punti di riferimento, fuggire, mettersi alla prova, o ritornare al viaggio nella stanza della nostra adolescenza, sui libri di Salgari che non si era mai mosso dalla sua, nella Torino dei primi del secolo.

 

La ragione di un viaggio può essere la ricerca del Mississippi di Mark Twain, vedere l’alba sulle mura dell’antica Gerusalemme, assistere al festival della luna piena a Mahabalipuram, in India, lasciare il proprio cuore in molti luoghi e desiderare di riprenderselo, prima o poi. Il viaggio che ci è piaciuto ci accompagna sempre, come il profumo dei fiori al mercato di Denpasar a Bali o il mimo che recita l’uomo, a Parigi, ed è sempre lì, uguale a se stesso, ad attendere la nostra meraviglia. In questi tempi di turismo affrettato  le distanze sono simboli stravaganti e i colori del Tropico si sovrappongono alle nevi polari, in un batter d’occhio, come in un racconto da Mille e una notte.

 

A chi vuol “vedere”, oltre che viaggiare, si richiede il grosso sforzo di tralasciare i luoghi comuni, andare oltre il racconto o il ricordo segnato sul mappamondo personale, difendersi dal collezionare descrizioni, spazi o spostamenti e reinventare gesti per conoscere e scoprire, fuori dalle strade note, o percorrendo gli itinerari di sempre, con occhi nuovi.

 

Sailing & Travel ha questa ambizione… 

Commenti

CONDIVIDI