Hanno viaggiato in tutto il mondo, dal Rajasthan al Sudamerica. Poi Yves April e Claude Mora si sono innamorati di una casetta sul cap d’Antibes circondata da un giardino coltivato a aranci, limoni e ulivi e l’hanno trasformata in questa deliziosa maison d’hote, arredata con gli oggetti scovati negli anni nomadi.

Il risultato sono camere piccole ma coquette, che si aprono sul patio, con una miniterrazza privata, dedicate a temi come la calligrafia o la pittura. Un’atmosfera da isola greca.

Non c’è da stupirsi, il mare è a cinquanta metri davanti alla deliziosa spiaggia di La Salis, una delle più belle del Capo, a pochi minuti dai domaine fastosi nascosti nel verde, sempre più attrazione fatale per i tycoon russi. La sala colazione è un trionfo di colori, quadri, oggetti. Ogni giorno viene servito un dolce diverso, rigorosamente fatto in casa, come il pane; non mancano formaggi provenzali e invitanti prosciutti. Nell’angolo salotto, sono a disposizione libri e riviste. Nella stagione estiva, gli estrosi patron si esibiscono in merende e aperitivi apprezzati dagli habitué che arrivano da tutto il mondo. Come la compagnia di Tommy, il piccolo terrier bianco, mascotte della casa. Il centro storico di Antibes è a venti minuti a piedi, a un quarto d’ora c’è la leggendaria spiaggia della Garoupe, location della celebre foto in cui Picasso protegge con il parasole la compagna Francoise Gilot. Sulla spiaggia ci si può rifugiare nel caffè ristorante Le rocher, davvero pied dans l’eau: se il mare è leggermente mosso, meglio conquistare un tavolino a qualche metro di distanza.  

La Jabotte
13, avenue Max-Maurey Cap d’Antibes
Tel. 0033493614589
www.lajabotte.com
Prezzo: camera doppia da 106 euro

Commenti

CONDIVIDI