work.jpg

work.jpg

work_in_progress_evoluzione_magazine_onlineSailing & Travel sta crescendo. Sembra passata una vita da quando il sito è stato messo on-line, il 1° luglio 2011, data di registrazione della testata in Tribunale. Allora non era altro se non l’ennesimo sito personale, niente più di un contenitore di notizie di vela e di viaggio, realizzato per dar sfogo a tutte quelle idee sempre ammazzate in partenza durante gli anni di lavoro trascorsi nelle riviste di vela italiane (e, in 10 anni, ne ho girate tante).

A Sailing & Travel, i primi mesi, facevo tutto io: disegnavo la grafica del sito, scrivevo articoli, rispondevo al telefono, presenziavo alle conferenze, e facevo persino il caffè (tanto bastava farne uno solo per me). Insomma, un one man website. Poi, pian piano, senza che nemmeno me ne accorgessi, le cose sono cambiate.

A settembre è partita la prima newsletter, un pugno di iscritti tra amici, colleghi e contatti professionali racimolati in 10 anni di carriera. I lettori, non più di 600/700 al mese, ma nonostante questo a dicembre ci è stato dedicato un pezzo nientemeno che da Prima Comunicazione, il mensile guru dell’editoria italiana. Una soddisfazione incredibile.

A marzo 2012, per la prima volta sono partito per un reportage portandomi dietro anche il cameraman. A Milano faceva freddo, ma la trasferta ha portato un’aria tutta nuova. Quella calda dei Caraibi, e quella ancora più piacevole della sensazione di iniziare a fare sul serio. “Intanto tu vieni, poi vediamo cosa ne viene fuori“, dissi al cameraman dubbioso visto il budget insignificante. Ne è venuto fuori, oltre a un format in tre puntate dedicato alle Isole Vergini Americane, che vi stiamo proponendo in questi mesi, anche la decisione di fare dei video e della web tv due dei pilastri del progetto. Con produzioni completamente auto-finanziate nella speranza di far sì che qualcuno si accorgesse di noi.

Agosto è stato il mese delle novità. Abbiamo fatto un restyling totale del sito, siamo passati a un server dedicato (uno step fondamentale per un portale), e pian piano il web ha iniziato ad accorgersi di noi. Sono iniziate le collaborazioni con alcune delle principali testate di nautica italiane, su tutte Farevela e Sailbiz, con cui c’è stata fin da subito la consapevolezza che le partnership tra professionisti non possano che portare a qualcosa di buono. Ed è arrivata la tv on-board di Alitalia, che oggi trasmette tutti i nostri video sui loro nuovi aerei.

A settembre, la grande sorpresa: Macchianera ci aveva candidato tra i 10 migliori siti di viaggio in Italia, insieme a mostri sacri come Turisti per caso e Tripadvisor. Abbiamo chiuso al nono posto su dieci, un pessimo risultato, ma la nostra vittoria era già stata quella di essere tra i migliori 10. Dopo un solo anno di vita.

Con ottobre il movimento attorno a Sailing & Travel è aumentato, e sono arrivati i primi sponsor, anima dell’editoria, grazie ai quali abbiamo potuto iniziare a riprogettare magazine e web tv per far subito nuovi salti di qualità. A partire dalla sezione blog, che proprio in questi giorni abbiamo deciso di ampliare con l’arrivo, nelle prossime settimane, di giornalisti, fotografi, stilisti, cuochi e velisti. Tutti, a far compagnia al blog originale di Sailing & Travel, quello di Giuliana Gandini. Che di lavoro, da 20 anni, fa l’inviata di Dove, ovvero il lavoro più bello del mondo. E che qualche mese fa ha deciso di contribuire al progetto Sailing & Travel arricchendo il sito con articoli e post.

E poi c’è No More Blue, il mio blog personale che sto inaugurando proprio con questo post. Non so di cosa scriverò, so solo che il titolo l’ho scelto citando una vecchia canzone del bluesman Roberto Ciotti, colonna sonora del film di Salvatores Marrakech Express. Forse, cercherò semplicemente di darvi una visione “dall’interno” di tutto quello che facciamo.

Già, “facciamo”. Perché ora siamo diventati tanti: Lucio, Fernando, Laura, Tommaso, Giuliana, Silvia, Giulia, Alberto… Sailing & Travel è ormai un progetto editoriale e televisivo che sta crescendo e vuole crescere sempre di più. Forte di un gruppo di collaboratori validissimi, giovani, e che in questo progetto hanno creduto davvero. Nonostante agli inizi il budget fosse meno di zero, nonostante le difficoltà di entrare in un settore complicato come quello dell’editoria, nonostante la crisi che sta affondando il nostro paese. Insomma, nonostante tutto.

Ma la consapevolezza di tutti noi, è che questo cammino non sia che all’inizio, perché con idee e voglia di fare, i risultati prima o poi arrivano. Anche in un paese come l’Italia. Nel frattempo, ci godiamo le fatiche di questo primo anno, e le soddisfazioni che ci siamo tolti soprattutto grazie a voi lettori, che da 600 al mese siete diventati ormai più 10mila. Lucio, Fernando, Laura, Tommaso, Giuliana, Silvia, Giulia, Alberto e io, ogni giorno lavoriamo per offrirvi un prodotto diverso, sempre gratuito, sempre nuovo.

Un vero e proprio sistema multimediale, come mi piace chiamarlo, in cui ancora oggi mi diverto a giocare con la grafica, scrivere articoli, rispondere al telefono, presenziare alle conferenze, e fare persino il caffè. Felice di doverne fare sempre di più.

Commenti