allerta-meteo-big

 

L’allerta meteo non è uno stato emotivo ma una procedura operativa, predisposta per far sì che tutti gli enti responsabili della sicurezza civile e territoriale possano coordinarsi per affrontare eventuali emergenze dovute a condizioni di rischio meteorologico, idrico o idrogeologico.   

 

Per l’emissione di messaggi di allerta, si fa riferimento ai bollettini di vigilanza meteorologica nazionale emessi ogni giorno alle 15. 

 

È compito poi delle Regioni e delle Province Autonome diramare le allerte per i sistemi locali di protezione civile, mentre spetta ai sindaci attivare i piani di emergenza, informare i cittadini sulle situazioni di rischio e decidere le azioni da intraprendere per tutelare la popolazione.  

 

Il messaggio di allerta contiene una descrizione sintetica del fenomeno meteorologico atteso, la dichiarazione del livello di criticità e il livello di allerta (1 = giallo = moderata / 2 = rosso = elevata), con l’indicazione dell’inizio e della fine della fase di allertamento.

 

I messaggi di allerta sono di due tipi:

Messaggio di Allerta per rischio Meteorologico 

Messaggio di Allerta per rischio Idrogeologico e/o Idraulico

 

allerta-meteo-2Cosa fare prima dell’emergenza meteo

Informarsi se il proprio territorio è a rischio alluvioni o allagamenti 

Prendere conoscenza del Piano comunale di protezione civile (è obbligatorio in ogni Comune)

Individuare i sistemi di informazione attivi (per esempio molti comuni offrono un servizio via sms, oltre alle notizie online) anche nelle zone vicine 

Seguire le previsioni meteo e le evoluzioni, organizzare i propri impegni e spostamenti di conseguenza 

Non tenere oggetti di valore e mezzi di trasporto in punti allagabili

Tener sempre puliti e in ordine i punti di scolo di propria competenza, pretendere che vicini e amministratori facciano lo stesso 

Segnalare eventuali interventi da fare in sicurezza nei momenti non critici 

Procurarsi pile e batterie di riserva sempre cariche per radio e telefoni per potersi informare o chiedere aiuto nel caso che salti la corrente

Non cementificare. 

 

Cosa fare durante l’#allertameteo

Non uscire di casa se non è strettamente necessario (“necessario” significa per esempio che c’è una persona che sta male, non che dovete portare il bambino a una festicciola)

Non trattenersi in punti e luoghi allagabili.

 

Cosa fare in caso di allagamento

allerta-meteo-3Spostarsi ai piani alti 

Non cercare di salvare oggetti di valore o mezzi di trasporto se si trovano in zone allagate 

Chiudere il gas 

Non bere acqua del rubinetto 

Lasciare libere le linee telefoniche 

Contattare i sevizi della protezione civile nel proprio comune solo per dare segnalazioni utili, oppure per chiedere informazioni specifiche solo nel caso che non si trovino diversamente.

Tener presente che possono esserci persone in difficoltà, e che ci sono persone che stanno lavorando per la sicurezza altrui

Seguire solo fonti di informazione ufficiali o affidabili (questo dovrebbe valere sempre) per non divulgare allarmismi non documentati 

Seguire sui social network le informazioni ufficiali date da Protezione Civile, servizi ambientali e meteorologici locali, amministrazioni pubbliche (compresi i capoluoghi e i comuni vicini), servizi stradali e ferroviari.

Seguire gli hashtag su Twitter per avere informazioni. Per esempio #allertameteoSAR https://twitter.com/hashtag/allertameteosar per la Sardegna (esiste anche la pagina Facebook https://it-it.facebook.com/allertameteoSAR), #allertameteoLIG https://twitter.com/hashtag/allertameteoslig per la Liguria, eccetera

Considerare che questi hashtag sono come il canale 16 del vhf: vanno usati solo per fornire informazioni e immagini utili. Per polemiche, emozioni e umorismo spostarsi su altri canali 

Resistere a tentazioni di protagonismo 

 

 

Cosa fare dopo l’allagamento

Se ci si trova in una zona danneggiata o si ha la possibilità di andare ad aiutare, fare sempre riferimento a organizzazioni istituzionali o di volontariato 

Non andare se non si è fisicamente in grado 

Non transitare in aree allagate se non autorizzati

Fornire aiuti concreti

 

Commenti