giacca_soldini
I vip di tutto il mondo, che da ogni parte del globo dimostrano il loro impegno per la salvaguardia del pianeta, contribuiscono alla costruzione della nuova ammiraglia di Greenpeace, la Rainbow Warrior III, che sarà varata ufficialmente ad ottobre, in concomitanza con il 40esimo anniversario dell’Organizzazione. Organizzata in partnership con CharityBuzz, una casa d’aste specializzata nel no-profit, l’asta parte oggi per l’Italia e rimarrà online fino alla fine di settembre su http://www.charitybuzz.com/greenpeace.

Tra gli oggetti per i quali si può fare un’offerta, per gli amanti del mare spicca l’ormai celebre cerata rossa utilizzata in molte navigazioni solitarie da Giovanni Soldini, per l’occasione autografata dal velista milanese. Tra gli altri italiani impegnati in questa iniziativa, figurano poi Laura Pausini, Claudia Gerini, Sandra Ceccarelli, Andrea DeCarlo e Beppe Grillo, che hanno donato capi di abbigliamento firmati, oggetti autografati e premi vinti.

Questi gli altri premi all’asta: la possibilità di incontrare dal vivo il calciatore Leo Messi allo stadio di Barcellona, due biglietti VIP per il concerto di Paul McCartney negli Stati Uniti, opere d’arte di Picasso e Damien Hirst, una cena con l’attrice Lucy Lawless e vari oggetti autografati appartenuti a Helena Bonham Carter, Jake Gyllenhaal, Helen Mirren e molti altri. “Contribuire alla costruzione della Rainbow Warrior III è un’occasione per ciascuno di noi di essere parte della storia e di decidere che genere di futuro vogliamo lasciare in eredità ai nostri figli. Sono orgogliosa di far parte dell’equipaggio che contribuisce alla costruzione della nave” commenta Lucy Lawless a nome di tutte le celebrities coinvolte nel progetto.

La Rainbow Warrior III è la prima nave della flotta di Greenpeace ad essere costruita specificamente per venire incontro alle particolari esigenze dell’organizzazione ambientalista e avrà un ruolo essenziale nella lotta e nella prevenzione dei crimini contro l’ambiente. La nave è dotata delle più avanzate tecnologie per minimizzare il suo impatto ambientale e di un rivoluzionario sistema di velatura che le permetterà di contenere al minimo l’utilizzo di carburanti e quindi la sua impronta energetica.

Commenti