LEG 4, Melbourne to Hong Kong – Alex Gough di Scallywah è stato gettato fuori bordo da un’ondata su Hung Kai/Scallywag durante un cambio di vele con 15/20 nodi di vento. Ma grazie all’intervento tempestivo dei compagni viene recuperato ed salvo. Ecco il video del recupero da bordo di Scallywag.

L’uomo era senza salvagente e non era legato con la cintura di sicurezza quando, durante una manovra, è stato trascinato via da un’onda su Hung Kai/Scallywag. Il team si è subito messo in modalità di sicurezza, ammainando la vela di prua e avvicinandosi a Gough che illeso ha potuto risalire a bordo dopo circa sette minuti. Scallywag ha dunque ripreso la regata.. «Era sul bompresso, io ero al timone, è arrivata un’onda e lo ha sbalzato via come se fosse su un cavallo» ha raccontato lo skipper David Witt. «La cosa importante è che lo abbiamo recuperato e sta bene. Però è un incidente che mostra bene quanto sia difficile vedere un uomo a mare. Persino di giorno, con il sole e con 18 nodi di vento… Di certo di notte a 20 nodi sarebbe stato molto peggio».

Leg 4, Melbourne to Hong Kong, day 13 on board Dongfeng. Photo by Martin Keruzore/Volvo Ocean Race. 13 January, 2018.

«Sono stato abbastanza stupido, ma fortunatamente i ragazzi se ne sono accorti. E hanno reagito in fretta. Sto bene, è stato abbastanza spaventoso però». Ha detto Gough. «Ora siamo di nuovo in regata». La manovra è costata qualche miglio al team, che fortunatamente aveva un buon vantaggio e che continua a guidare la flotta nella veloce navigazione verso Hong Kong, che ora dista poco più di 2.200 miglia dalla prua del battistrada.

La regata prosegue. Tutte e sette le barche hanno ormai attraversato la linea dell’Equatore, e secondo il rilevamento delle posizioni delle ore 14 stanno per entrare nel flusso degli alisei, che dovrebbe portarle fin sul traguardo di Hong Kong. Una volta che saranno entrati nel vento costante da est, potranno godere di un aria intorno ai venti nodi e navigare verso la meta, in netto contrasto con le condizioni di bonaccia delle calme equatoriali vissute negli ultimi giorni. In testa c’è Scallywag, seguito da Vestas, Dongfeng, AkzoNobel, Mapfre, Brunel e Turn the tide on plastic. 

Commenti