Si sono incontrati nel bel mezzo dell’Atlantico del sud, Gaetano Mura – impegnato nel tentativo di record sul giro del mondo in solitario – e Jean Le Cam, leggenda della vela oceanica, alla sua quarta partecipazione alla Vendée Globe.

«Una notte impegnativa ed eccezionale – scrive Mura nel diario di bordo – quella appena passata. Lo sentivo nell’aria e ci speravo quando, al calar del sole, una sagoma triangolare all’orizzonte ha fatto la sua apparizione tra i cerchi del mio binocolo». È la sagoma del 60 piedi Finistere Mer Vent, di Jean Le Cam, Le Roi, com’è soprannominato, 3 volte vincitore della mitica Solitaire du Figaro, attualmente in nona posizione al Vendée Globe. «Dei tanti skipper che avrei potuto incrociare in questi giorni non vi è dubbio che lui è il più carismatico di tutti».

«È passato così vicino che ci siamo parlati a voce e scattati reciprocamente delle foto. Ha fatto i complimenti per Italia: “C’est un beau bateau”, Italia si è emozionata e mi è parso che per un attimo siano scomparsi il bianco e il verde dalla randa…Bon vent Jean et bonne course – Bon tour du monde a toi».

Tutta l’emozione dell’incredibile incontro ravvicinato tra Italia di Gaetano Mura e Finistere Mer Vent di Le Cam, in questo bellissimo video, con le loro voci nel contatto radio.

Il sito ufficiale con il tracking per seguire la rotta di Italia: http://www.gaetanomurarecord.com/la-rotta/

Commenti