porto-crociere-stoccolma

Cosa scegliereste se come tappa per una vostra crociera in nave doveste optare per una tra queste destinazioni: Barcellona, fiordi norvegesi, San Pietroburgo, Stoccolma e Venezia? Secondo Cruise international, rivista di crociere per turisti di Gran Bretagna e Irlanda, nel 2013 il premio come Best Cruise Destination in Europe se l’è conquistato la capitale svedese.

 

Spiega Henrik Ahlqvist, Manager Cruise & Ferry, Deputy Harbor Master, dei Porti di Stoccolma: «Gli investimenti effettuati negli ultimi anni per modernizzare i terminal crociere, migliorare le banchine e la grande collaborazione all’interno della Stockholm Cruise Network hanno reso Stoccolma una meta più attraente per le crociere internazionali».

 

Il mal Baltico intorno a Stoccolma si è affollato sempre più di navi da crociera, che in 17 anni hanno fatto arrivare nella città reale dagli 82mila passeggeri del 1996 ai 485mila del 2013. Quest’anno, si stima che alle banchine del porto ormeggeranno 274 navi da crociera che riverseranno 500mila passeggeri a terra. Passeggeri che scendono volentieri e a lungo: se la media degli sbarchi nelle destinazioni europee è dell 87% con una permanenza media di 4,8 ore, a Stoccolma ben il 97% delle persone decide di andare a terra e di trattenersi mediamente per quasi sei ore. Merito dei molti modi di scoprire la città, in gruppo, in famiglia con bambini o da soli: musei, design, gastronomia, shopping o musica sono a disposizione e le dimensioni compatte della citta la rendono godibile anche per un solo gionro di permanenza. 

 

Attento anche all’ambiente, il porto di Stoccolma è uno dei pochi al mondo che può gestire acque nere e grigie.

 

Commenti