hotel sul mare u capu biancu

Svegliarsi in un hotel sul mare e tuffarsi per la prima nuotata della giornata. Senza prendere auto o scooter. Una vacanza barefoot è il sogno di ogni patito del mare. Ecco i dieci migliori hotel pieds dans l’eau in Europa per realizzare questo sogno.

1. SARDEGNA – Piscinas – Le Dune

L’aspetto è quello di un fortino in mezzo al deserto, le dune di sabbia bianca sono quelle di Piscinas, le più alte d’Europa, in Costa Verde. Qui un’antica struttura mineraria ospita un resort  apprezzato dal Telegraph e dalla gauche caviar,  da  Lea Melandri a Bianca Berlinguer. L’ingresso è la galleria scavata dai minatori agli inizi dell’Ottocento, nelle pareti si aprono nicchie scavate nella roccia, nel cortile si scoprono reperti fenici e romani.

2. FORMENTERA – Mitjorn – Gecko Beach Club


La movida radical-chic di Formentera si dà appuntamento per l’aperitivo al tramonto sulla veranda chiringuito di questo hotel sul mare che nasce sulla spiaggia di Mitjorn. Una trentina di camere in stile etnochic, letti balinesi sulla terrazza, chaise longue e grandi ombrelli bianchi. La cena è a lume di candela, con sottofondo di musica lounge.

3. COSTIERA AMALFITANA – Amalfi – Santa Caterina


Discesa a mare privata, spiaggia, ristorantino specializzato in piatti di pesce e verdure dell’orto di proprietà, piscina riscaldata di acqua marina. Sono i must di questo fascinoso hotel sul mare ricavato in una villa liberty immerso in un rigoglioso agrumeto.
Le magnifiche camere hanno ospitato celebrità come Hillary Clinton, Meg Ryan, Bono e Angelina Jolie e Brad Pitt, che qui si sono innamorati.

4. CIPRO – Neo Chorio –  Anassa Hotel

Si affaccia sull’Asprokremmos beach, tra le acque più pulite d’Europa. Secondo l’Agenzia europea dell’ambiente. Immerse nella macchia mediterranea si nascondono le ville ispirate a un antico villaggio bizantino, nei toni del bianco e del beige, arredate con opere d’arte. Eccellente la Thalasso Spa, trattamenti a base di acqua marina e prodotti bio. A disposizione degli ospiti, la barca per navigare tra le calette segrete della penisola di Akamas.

5.
COSTIERA AMALFITANA – Castiglione di Ravello – Villa San Michele


Una casa bianca con le persiane azzurre a pochi passi dall’acqua, tra vigneti e limonaie, di proprietà da sempre della stessa famiglia. Un tre stelle che ne vale cinque. Dodici camere incastonate nella roccia decorate con maioliche di Vietri. Dove far perdere le tracce.

6. CORSICA – Bonifacio – U Capu Biancu

Un rifugio di edonisti e bon vivant circondato dalla macchia mediterranea, la spiaggia privata, la paillotte dove gustare un piatto di pesce, la barca per andare alla scoperta di fiordi e calette. La piscina è incastonata tra le rocce, le camere rivelano tocchi etnochic, ma anche arredi e atmosfere da bastide provenzale.

7.
FRANCIA – Pyla -sur -mer – La Co(0)rniche

C’è tutto il genio di Philippe Starck in questo hotel visionario a ridosso della mitica duna du Pilat davanti al Banc d’Arguin e a Cap Ferret. Da una villa degli Anni 30, è nato un piccolo capolavoro di design con soffitti a specchio, muri rosa e viola, lampadari di Murano… e beach bar affacciato sul tramonto dove gustarsi ostriche prelibate accompagnate dal Sancerre.

8.
PORTOGALLO – Algarve – Vila Vita Park


Si sente il respiro dell’Atlantico nelle camere di questo albergo circondato da cascate e giardini tropicali che si è aggiudicato il World Travel Awards come miglior resort ecologico portoghese. La spiaggia e a pochi metri, in barca si raggiungono le calette più spettacolari dell’Algarve.

9.
GRECIA -Penisola Clacidica – Ekies All Senses Resort

Un’amaca dondola nell’acqua a pochi metri dalla spiaggia arredata con chaise longue e gazebo, in barca si approda all’isolotto di Dioporos. Si vive a piedi nudi e in pareo in questo sibaritico hotel sul mare a Sithonia, la più selvaggia delle penisole della Calcidica. L’immensa pineta sfiora il parco, la lobby è impreziosita da pezzi di Frank Gehry e Ron Arad.

10. FRANCIA -Concarneau, Bretagna – Les Sables Blancs

Sembra di essere sulla prua di una nave in queste camere a pochi passi da mare con le terrazze che si spingono verso l’acqua. Davanti, l’arcipelago dei Glénans, sede della leggendaria scuola di vela. Il plus? La grande bouffe di crostacei al ristorante rifornito dai pescatori.

11. Commenti