randista

Continua il viaggio negli errori più classici commessi in regata, ruolo per ruolo. È ora il turno del pozzetto hard, quello dei velisti veri che si sentono la barca in mano in tutto e per tutto.

Quelli che prendono le decisioni e che, una volta a terra, fanno vedere con le mani com’è che hanno vinto la prova o come mai quel cretino di un (scegliere un ruolo a piacere) gliel’ha fatta perdere. Suggerimento: da quante virate riescono a fare con le due manine parallele durante una spiegazione di un episodio avvento durante una prova, si può intuire quanto siano pesanti in barca (o, in alternativa, incapaci di articolare delle frasi sensate). Pensateci quando dovrete imbarcare qualcuno. Eccovi randista e timoniere.

Randista

1. Non mollare randa in un incrocio mure a sx («glie l’ho detto 1000 volte che questo strozascotte non si apre con aria…»;

2. con il circuito alla tedesca, restare senza scotta da una parte e non avere verificato che ci fossero i nodi di fine corsa; Giubilio e festeggiamenti a bordo se questo accade su una barca in cui parte del circuito della randa corre intubato sottocoperta;

3. strambare con il carrello randa libero e frantumare bozzelli e barca. Per alcuni tempi c’è stata la convinzione che la lobby degli attrezzisti pagasse i randisti per “dimenticare” il trasto aperto…

Timoniere

1. Strambare inavvertitamente in poppa con vento leggero; in genere il timoniere ci rimane male non perché tutti lo cazziano, ma perché stavolta «era venuta così bene, con lo spi sempre bello gonfio…»;

2. timonare da sottovento. Inutile ripetere a chi è votato alla postazione che da lì non vede le onde, le raffiche, le barche e tutto il mondo sopravento, se può virare ecc. La risposta è sempre: «qui vedo bene i filetti!»;

3. fare platealmente una “bretone” (navigare per qualche metro con il fiocco a collo per risparmiare la virata, manovra tanto raffinata quanto al limite: la vela di prua si schianta e preme contro sartie e crocette), finire sulla boa e dover poi manovrare un intero minutino per arrivare dove saremmo stati tre minuti prima se avessimo semplicemente virato;

4. l’immortale, meraviglioso, abbordo a mezzanave in un incrocio mura a sx in bolina.

Leggi le altre puntate:

Errori in regata, per ogni ruolo la sua magagna – Parte 1: prodiere e due

Errori in regata – Parte 2: drizzista e tailer

Errori in regata – Parte 4: tattico e navigatore

Commenti

CONDIVIDI