vacanze in barca
Best explorer, pronta a ripartire

Parafrasando il nostro letterario eroe Jack Aubrey e il suo “Buon Vento dell’Ovest”, diciamo che è con una certa gratitudine che sfruttiamo la possibilità di godere quasi sempre di belle andature portanti con un vento (spesso anche più fresco del necessario) prevalentemente Sud-Est, per Best che punta risolutamente verso Ovest.

Non dicasi lo stesso per il mare. Già alla mia prima esperienza con il Pacifico, anni fa, non ho avuto la benché minima incertezza nel qualificare la stramaledetta onda da Sud come una costante davvero poco divertente della navigazione da un arcipelago all’altro e nella scelta degli ancoraggi.

polinesia

Atollo Polinesia francese

L’effetto shaker è assicurato

Onda da Sud quindi, a testimonianza della buriana incessante tra i 40 ruggenti e i 50 urlanti. E poi onda da Est come contributo degli Alisei, onda ripida da corrente contrapposta al vento…una bella shakerata e il risultato è un mare spinoso e irregolare che arriva da tutte le parti anche con venti molto ragionevoli.

Il “rolleggio” o il “becchellio” che dir si voglia è dunque inevitabile e in tanti anni posso dire che, pur abituandosi in fretta, lo stomaco da sempre un segnale di profondo sconforto quando si ricomincia a navigare dopo un periodo di sosta in qualche paradiso lungo il percorso.

18-20 nodi Sud-Est e 600 miglia: si parte

Bando agli indugi, ci lasciamo alle spalle Raiatea la terza settimana di giugno, dopo la partenza degli amici, con previsioni apparentemente potabili e venti previsti tra i 18 e 20 nodi da Sud-Est, leggermente più forti del normale (in teoria) per la curiosa stabilità dei fronti a Sud (peraltro graniticamente inchiodati su latitudini abbastanza più a Nord di quanto consueto). Cielo nero, pioggia battente (tipico di quando siamo in manovra), ma niente di cui Best abbia paura.

acqua cristallina

Raiatera, Polinesia

A bordo Nanni e io. Davanti a noi le circa 600 miglia fino a Rarotonga (Cook Islands), un botto secondo parametri mediterranei, ma neppure significative in rapporto alle distanze oceaniche e ai nostri ultimi anni di navigazione. Abbiamo comunque in programma anche una sosta-ristoro nell’atollo di Maupihaa, che è poco più di un solitario cerchietto di corallo e motu coperte di palme a circa 150 miglia da Raiatea, lungo la nostra rotta Ovest-Sud Ovest verso le Cook.

Ci mettiamo solo qualche ora a scoprire che le previsioni sono come sempre arrotondate per difetto e che, as usual, l’onda si fa velocemente fetente e mette robustamente alla prova la tenacia con cui ci teniamo in rotta. Vero è che con una virgola di fiocchetto e un venticello di 15-18 nodi (almeno iniziali) al traverso si fila ad 8 nodi, che per una prosperosa paperotta di 25 tonnellate come Best è una velocità da decollo.

Piano piano la notte avanza e sale il vento, le ochette diventano oche grasse e l’onda supera i 4 metri da ogni direzione. Siamo davvero un po’ stufi di sballottare come in un flipper, l’alba ci ritrova a poca distanza da Maupihaa e cominciamo a vedere da lontano l’esplosione dei frangenti sul reef che la circonda. Tutte le notizie che abbiamo da altri naviganti e dai portolani confermano che la pass è un bel torrente in uscita tra 4 e 12 nodi in funzione dell’altezza e della aggressività delle onde che si riversano nella laguna.

Vento dell'est

Cielo al tramonto, Isole Cook

Best si lancia nel canale: ce la farà?

Inutile dire che, visto il mare, cominciamo a nutrire qualche dubbio, ma costeggiamo a Ovest l’ininterrotta linea ribollente e siamo almeno ridossati rispetto all’oceano che esplode rabbioso contro la barriera a Est e a Sud. Costeggiamo, costeggiamo, costeggiamo…Nuvole di uccelli identificano le aree di nidificazione di innumerevoli colonie, vediamo l’interno della laguna spazzato dal vento e le palme spettinate, la cintura del reef affiora dorata dall’acqua spumeggiante che scintilla di una trasparenza turchina nel ricciolo dell’onda mentre si inalza sulle acque basse e continuiamo a costeggiare, costeggiare, costeggiare…

vento dell'est

Best Explorer

Finalmente intravediamo i segnalamenti di ingresso della pass a Nord Ovest dell’atollo. E vediamo il torrente di vortici e onde di corrente che esce dallo stretto passaggio nel corallo…triste conferma dei nostri timori. Ma il mare e il vento sono ancora in crescita, le nuvole fioccose dell’aliseo in realtà sono nuvolone alte con la faccia di voler diventare groppettoni antipatici e quindi lanciamo la nostra cara Best a tutta birra nel canale…ce la fa? Non ce la fa?

Per conoscerci meglio e per far parte delle avventure di Arctic Sail visitate il sito www.nordovestitalia.org o contattateci! Mailto: [email protected]; [email protected]

 

Commenti