Da venerdì 29 settembre fino a domenica 1 ottobre con la Portopiccolo Maxi Race prove generali di Barcolana a pochi chilometri da Trieste, nella baia di Sistiana.

Fra le barche in gara Spirit of Portopiccolo ex Morning Glory (l’ultimo della serie di scafi da regata varati e portati al successo dal magnate tedesco Hasso Plattner), il 26 metri grande favorito della 49esima edizione della regata triestina.

portopiccolo

Mr. Seven

La Portopiccolo Maxi Race, la regata aperta a imbarcazioni sopra i 13,50 metri e organizzata dal Portopiccolo Yacht Club che ha sede nell’omonimo borgo turistico, è quest’anno alla sua terza edizione e insieme allo storico Trofeo Bernetti organizzato dalla Società Nautica Pietas Julia, apre le danze all’attesissima Barcolana che si svolgerà l’8 ottobre.

Una tre giorni di regate

In programma venerdì 29 e sabato 30, le prove a bastone, e domenica la regata offshore nell’ambito del Trofeo Bernetti. Si sfideranno così una ventina d’imbarcazioni tra cui il Mrs. Seven, il Southern Wind 100 piedi (firmato da Bruce Farr per le linee d’acqua e dallo studio milanese Nauta Design per exterior e interior design) di Claudio de Eccher, creatore di quello che viene definito “il Borgo turistico più esclusivo dell’Adriatico” nonché ideatore della manifestazione. Ma anche il vincitore 2016 Željko Paić con il suo Shinig Umago Maxi, il 72 piedi Open firmato da Germán Frers.

Barcolana 2016

Fratelli Furio e Gabriele Benussi a bordo di Alfa Romeo

I fratelli Furio e Gabriele Benussi, vincitori della Barcolana 2016 con il maxi 72 Alfa Romeo, saranno sulla linea di partenza con Spirit of Portopiccolo, il maxi di 86 piedi (26 metri di lunghezza) con scafo in carbonio e canting keel. «Il nostro obiettivo chiaramente è uno solo, ma pensiamo che provare a raggiungerlo sarà molto difficile perché non mancheranno sulla linea di partenza avversari di altissimo profilo», afferma Furio Benussi. «Una Barcolana senza un vero favorito rende più aperta la partita e ci motiva di più. A breve annunceremo i nomi ed i ruoli dell’intero equipaggio di Spirit of Portopiccolo, per il quale è al lavoro in prima persona mio fratello Gabriele».

Commenti