berlina renault

In un mercato dove tutto sembra impostato per creare SUV, c’è ancora spazio per le care vecchie berline? Sicuramente più di quanto sia la vulgata comune, a patto che i modelli siano intelligenti e non appaiano superati, perché in quanto a comodità nessuno può discuterli. Una di queste berline moderne è la Renault Talisman che per prima cosa non passa inosservata: il frontale si fa notare per la vistosa mascherina col grande logo e le luci diurne (a led, come i fari), che si prolungano fin dentro il paraurti. Dietro, invece, sono originali i fanali sottili e allungati. L’abitacolo invita alle lunghe navigazioni: lo spazio in larghezza e quello per le gambe abbonda, anche dietro. Davanti ci si accomoda su ampie poltrone in pelle: un optional abbinato alle regolazioni elettriche e alla ventilazione di sedute e schienali. Di serie, invece, la funzione massaggio (sia per il guidatore sia per il passeggero) con tre modalità.

Con i led fa più effetto…

La plancia è ben rifinita, forse poco fantasiosa nelle forme, anche se non mancano soluzioni ricercate, come l’illuminazione a led (estesa anche alle porte) modificabile nel colore attraverso i menu dell’impianto multimediale inserito nella consolle centrale. Quest’ultimo è di grande effetto e si controlla come un tablet (oltre che con i comandi tra i sedili), con tanto di funzione zoom: basta sfiorare con due dita lo schermo di 8,7 pollici. Fa parte del sistema R-Link2 (di serie), che include utili app, come quella sul traffico in tempo reale. Bene il baule con la capacità base di 515 litri che possono salire a 1022 abbattendo il divano posteriore. Assai curate le finiture, come del resto quelle dei vani portaoggetti nell’abitacolo. Ed è praticissimo il sistema di blocco delle serrature, inclusa quella del baule: allontanandosi dalla vettura con la chiave in tasca, la Talisman si chiude senza premere alcun pulsante.

Super efficienza e consumi ridotti

Noi abbiamo testato il 1.6 dCi, affidabile 16 valvole della serie Energy, che punta sull’efficienza e i consumi ridotti: difatti la punta massima è di 205 km/h. In città, le dimensioni ‘importanti’ della Talisman si fanno sentire ma nelle svolte strette si confermano utilissime le quattro ruote sterzanti. E comunque il 1.6 dCi, dotato di Stop & Start è poco assetato: superare i 20 km con un litro di gasolio è un gran bel risultato per un’auto lunga 485 cm. Cambia la musica (in meglio) nel misto dove la guida è davvero piacevole, con una tenuta di strada e una stabilità a prova di fondo. Certo, non è un “peso piuma” e con 130 Cv non può essere brillante ai bassi regimi. Del resto, le marce lunghe sono destinate soprattutto a ridurre i consumi, e lo fanno molto bene: siamo sopra i 28 km con un litro secondo la Casa transalpina. Le quattro ruote sterzanti del pacchetto Multi-Sense 4Control sono l’arma in più.

berlina In autostrada, ad andatura da codice, il comfort acustico è buono (in sesta, il 1.6 lavora a 2350 giri e si sente poco, come pure i fruscii aerodinamici): si viaggia rilassati e la media è di 17 km/litro. Si apprezzano i tanti dispositivi di assistenza alla guida: dal sensore per l’angolo cieco dei retrovisori al cruise control adattativo con frenata automatica di emergenza del pacchetto Easy Drive (include pure l’head-up display, che riduce il rischio di distrazione). Di serie anche il sistema per riconoscere (e ricordare nel cruscotto) i cartelli con il limite di velocità: è basato sulla stessa telecamera che rileva le uscite accidentali dalla propria corsia. A proposito di sicurezza, nei crash test Euro NCAP di fine 2015, la Renault Talisman ha ottenuto cinque stelle, con un punteggio sui sistemi di sicurezza del 76% con il picco dell’86% nella protezione degli occupanti adulti.

interniPrezzi e allestimenti

Tre gli allestimenti: Zen, Intense e Initiale Paris con dotazioni a crescere. Noi abbiamo goduto di quello in mezzo che con il 1.6 – provvisto dell’eccellente EDC, cambio robotizzato a doppia frizione – costa 36.750 euro ma cambiando propulsore il prezzo scende:  33.150 euro con il dCi 130 (che salgono a 35.150 se volete l’EDC) e 35.050 euro con il TCe 200, a benzina dove l’EDC ha una marcia in più. La Zen è proposta invece con il dCi 110 e 130 (entrambi disponibili con cambio manuale e automatico) oltre al TCe 150. Infine, la Initiale Paris, con i propulsori alto di gamma e solo con EDC: il nostro 160 dCi e il benzina TCe 200 ma qui si superano i 40mila euro di prezzo. Di sicuro, al di là della scelta motoristica, la Talisman è una berlina che non induce alla nostalgia ma semmai fa capire il valore intramontabile delle auto comode, per superare indenni i ‘marosi’ del traffico senza affaticare lo skipper. Pardon, il guidatore.

Commenti