quad sensor
Il nuovo Quad Sensor GWN-Q1000 , Casio G-Shock

Quando si parla di Giappone è facile che immagini della più recente tecnologia  si sovrappongano a quelle fortissime della tradizione: cerimonie del thè,  elegantissimi kimono ed eroici Samurai, la fioritura dei ciliegi, sakura e hanami, che significa il goderne la bellezza. E poi la grande onda di Hokusai (1760-1849) il pittore del mondo fluttuante, celebrato nella mostra “Hokusai, Hiroshige, Utamaro in corso a Milano nella sede espositiva di Palazzo Reale, aperta fino al 29 gennaio 2017.

Il lancio del nuovo modello di orologi per la nautica Gulfmaster GNW-Q1000 QUAD SENSOR della collezione G-Shock del marchio giapponese Casio mette proprio in luce questa doppia valenza culturale: la sofisticata tecnologia nipponica immersa nella bellezza dell’onda del pittore dell’Ukiyo-e, l’autentica pittura naturalista del Sol Levante.

Mr Suzuki

Mr Yosuke Suzuki, presidente Casio Italia, alla presentazione Into the Deep G-Shock a Palazzo Reale, Milano, mentre introduce la cultura giapponese, tra tecnologia e arte: “La grande Onda” di Hokusai.

Il Quad Sensor della linea Ocean Concept è il primo G-Shock analogico-digitale dotato di sensori per la misurazione della pressione atmosferica, della temperatura, della direzione e della profondità delle acque. Il nuovo sensore profondimetro misura la profondità delle acque nel punto in cui ci si trova, fino a 50 metri di profondità. Il monitoraggio dei cambiamenti delle condizioni climatiche rende l’orologio particolarmente efficace per nelle operazioni di soccorso e di salvataggio estreme della guardia costiera, in condizioni estreme. L’orologio è stato progettato in colaborazione con la guardia Costiera giapponese e testato dalla Royal Netherland Sea Rescue Institution. Orologio per il mare aperto, è dotato di grafico delle maree e delle fasi lunari, oltre ad essere in grado di restituire l’orario di alba e tramonto, utile per tener traccia del tempo di luce rimanente per organizzare le operazioni in acqua.

Gulfmaster Quad Sensor G-Shock di Casio

Il nuovo modello Gulfmaster Quad Sensor G-Shock di Casio

Into the deep, caratteristiche del Quad Sensor GNW-Q1000

La cassa del Quad Sensor è in resina, rinforzata con fibra di carbonio, resistente alla corrosione dell’acqua con impermeabilità garantita fino a 200 metri. Il fondello ammortizzante e la curvatura del cinturino in uretano rendono l’orologio confortevole al polso. Indici e lancette sono rivestiti in Neobrite fosforescente per essere visibili anche nel buio delle profondità del mare. Dotato di tecnologia Casio Tough Solar come gli altri profondimetri Casio e Multi-Band 6 che permette la sincronizzazione con il segnale orario trasmesso dalle antenne terrestri collegate agli orologi atomici, su cui si regolano tutti gli orologi. Il cronografo preciso 1/100 di secondo può misurare il tempo fino ad un massimo di 24 ore, mentre il conto alla rovescia può essere impostato in intervalli di un secondo fino ad un massimo di 60 minuti. 5 allarmi giornalieri disponibili e memoria dei salvataggi manuali dei valori dei sensori con data e ora della misurazione. Il costo del GULFMASTER QUAD SENSOR GWF-D1000-1ER è di € 999, il modello GWF-D1000B-1ER € 1.100.

Per gli appassionati del Giappone

Vivere il Giappone in Italia quest’anno è stato ancora più facile: si sta celebrando il 150esimo  anniversario del “Trattato di Amicizia e Commercio” tra Giappone e Italia e sono moltissimi gli eventi a testimoniarlo, dalle note di Madama Butterfly alla Scala a mostre ed eventi. Per chi volesse approfondire l’argomento molte informazioni si trovano sul sito dell’Ambasciata Giapponese in Italia. L’avventura iniziò il 25 agosto 1866 (sedicesimo giorno del settimo mese del secondo anno dell’era Keiō, secondo l’antico calendario giapponese) e dal primo gennaio del 1867 con il commercio di sanranshi (cartone di seme-bachi), il mercato della seta italo-giapponese rifiorì. In italia la bachicoltura versava in grave crisi a causa di una malattia dei bachi da seta e il Giappone intendeva avvalersi del commercio per sviluppare la propria industria.

Commenti