liutaio

Fin da bambino ha praticato la liuteria amatoriale. Si divertiva a costruire chitarre con i mattoncini della Lego, per poi passare a materiali più formanti, come il legno. Mogano, frassino. Andrea realizzava chitarre con il legno di risulta portato dal papà dal cantiere navale dove lavorava.

Man mano che passava il tempo è diventato da semplice gioco a vera e propria passione. Il garage dove ha lavorato le sue chitarre fino a 20 anni, diventò ben presto la bottega del maestro, dove passava intere giornate di duro lavoro, e da cui apprendere il vero mestiere di Liutaio. Ma non è sempre stato tutto così in discesa, afferma Andrea.

Agli inizi del 2000 la musica, nel centro della sua Brindisi, era in modalità “silenzioso”, e Andrea nel frattempo si iscrive alla facoltà di Ingegneria. Studi che però lascia bene presto, decidendo di trasformare la sua passione nel lavoro della sua vita. Nel 2006, nasce finalmente in città la sala prove del suo amico Roberto, che da ad Andrea l’opportunità di mettere in pratica il sapere di tanti anni di scuola. Il “caso”, sicuramente ha giocato la sua partita, ma il sostegno della sua famiglia e la motivazione hanno fatto tutto il resto. «Il talento da solo non serve. Quello che fa davvero la differenza è l’impegno e la costanza» dice Andrea, mentre accarezza con mani premurose il manico della sua chitarra elettrica in esposizione.

chitarre

Andrea nel suo laboratorio a Brindisi

Il Liutaio delle Star

Oggi, il suo laboratorio di liuteria nel centro della città è in grado di realizzazione venti strumenti annui, offrendo anche assistenza, tra cui: chitarre elettriche, acustiche, classiche e bassi. Collabora con artisti da vanto internazionale come Negramaro, Francesco Moneti dei Modena City Ramblers, tanto per citarne alcuni. Ma anche Alborosie, Maurizio Filardo e Maldestro. Lui ai “social”, preferisce il passaparola, anche se su Instagram e Facebook la sua pagina “Capurso Guitars”, conta migliaia di Like. Sul suo sito, invece, Andrea (www.capursoguitars.com) offre vendita e assistenza a livello nazionale.

negramaro

Giuliano Sangiorgi – Negramaro

Che dire, un carattere riservato e creativo, ma contraddistinto dalla determinazione: «l’artigianato è una vocazione, perché è fatica e dedizione». E non manca certo di valori: «Oggi, è complicato entrare nel mondo del lavoro, soprattutto nel mondo dell’artigianato. È importante proteggere il nostro sapere e tramandarlo ai nostri figli». Non fosse altro per quello che rappresenta. Il Liutaio è un mestiere antico, che fa parte della nostra tradizione da centinaia di anni. Rimarrà sempre nell’immaginario collettivo come un’abilità elevata, quasi un dono con cui costruire strumenti e vestirli di bellezza, ma per un fine più nobile. Dopotutto, “l’invenzione melodica è uno dei segni più certi di un dono divino”, sosteneva il grande compositore Gustav Mahler.

Commenti