I tacos fish sono un simbolo della cucina californiana benché la loro origine sia messicana, una volta oltrepassato il confine sono stati arricchiti di verdure fresche e di aggiunte artistiche diventando un vero sfizio culinario.

 

In California i pesci più utilizzati per questa ricetta sono il tilapia, un pesce da supermercato a basso costo e dal sapore piuttosto delicato, lo snapper, un tipo di dentice dal colore rosa dell’Atlantico, il cod, ovvero il merluzzo, il mahi mahi, che tradotto è la lampuga, un pesce dal ricco contenuto di vitamina A e con 117 calorie per 100 grammi, o il catfish, il pesce gatto che da fritto pare dia il meglio di sé. Per la nostra ricetta preparerei del merluzzo e poi liberi tutti, l’importante è che si utilizzi del pesce dalle carni bianche e consistenti.

b2ap3_thumbnail_tacos-fish-2.jpgQuesta è una ricetta da serata estiva: porterei le tortillas in tavola, il merluzzo fritto a parte e l’insalata in una ciotola, le salse all’avocado e allo yogurt e farei aggiungere tutti  gli ingredienti agli ospiti, dà molta soddisfazione riempire il tacos come si vuole, anche esageratamente, ed è anche divertente inventarsi il proprio mix. Quindi, sulle note di California Dreamin’ di The Mamas & the Papas o della cover dei Dik Dik, per la versione italiana, che c’è di meglio di un tacos, una birretta e i pensieri in libertà per una serata ben riuscita?

Ingredienti per 4 persone
4 tortillas per tacos & fajitas
4 filetti di pesce bianco
olio d’oliva
un mazzetto di coriandolo o di prezzemolob2ap3_thumbnail_tacos-fish-3.jpg
1 lime
sale
pepe
1 cipolla rossa
½ cavolo bianco
6 pomodorini ciliegini
aglio
un peperoncino verde piccante (il messicano jalapeno)
un avocado

Ingredienti per la salsa Bajar
1 tazza di panna acida
1/3 di tazza di yogurt intero
1 cucchiaio di succo di lime
un pizzico di sale

Ingredienti per la salsa alternativa
2 cucchiai di maionese
3 cucchiai di crème fraîche
4 cucchiai di salsa piccante
un pizzico di sale

b2ap3_thumbnail_tacos-fish-4.jpgPreparazione
1. Pestare del sale grosso con il coriandolo e uno spicchio d’aglio, un pizzico di sale e una girata di pepe. Aggiungere dell’olio d’oliva: questo profumatissimo mix sarà la base per la marinatura del pesce. Versate il composto sul pesce e conservatelo coperto in frigorifero per una mezz’ora;
2. Tagliate a fettine sottili il cavolo, la cipolla e il peperoncino e mescolateli in una ciotola;
3. Preparate la salsa Bajar: mixate lo yogurt (1/3 tazza), la panna acida (1 tazza), un cucchiaio di succo di lime, un pizzico di sale;
4. Spelate l’avocado e iniziate a frammentarlo grossolanamente con una forchetta, poi aggiungete dei pomodorini tagliati a dadini e la cipolla rossa che avrete tagliato molto sottile. Aggiungete del coriandolo, sale e il succo di mezzo lime. Mescolate tutto con cura;
5. Mettete una padella sul fuoco, friggete il pesce nell’olio di marinatura, qualche minuto per parte finché non avrà una bella crosticina dorata;
6. Scaldate i tacos nel forno avvolti nella carta d’argento, oppure così come sono appena tolti dalla loro confezione in una padella antiaderente;
7. Prendete i tacos, stendeteli su un piano e  guarniteli con il pesce, l’insalata di cavolo, la salsa di avocado e per completare l’opera con la salsa Bajar.

Hint dall’orto
Il coriandolo è un’erba aromatica di facile coltivazione, è rustica, ma non ama il freddo. Il periodo migliore per la semina è aprile-maggio, quaranta giorni circa dopo la semina avrete le vostre foglie pronte da cogliere. I semi si possono essiccare e le foglie congelare.

Commenti