Il Pitti Taste 9, il salone del gusto patinato ed eccellente che si svolge annualmente alla stazione Leopolda di Firenze ha attirato nell’ultima edizione 15.000 visitatori: conferma del costante e crescente interesse per il mondo del cibo, del gusto, delle evoluzioni estreme e della ricerca. Il tutto senza badare a spese.

 

Dall’altra parte del mondo la compagnia americana Hampton Creek, pionieri di successo nella food technology  con base a San Francisco, California, sta sperimentando, invece, nuovi modi per ottenere cibi che consumiamo quotidianamente dalle piante secondo il motto guida dell’azienda: “Bringing healthier and affordable food to everyone, everywhere”.

 

Il fondatore e CEO Josh Tetrick (nel prossimo post troverete l’intervista realizzata per Sailing & Travel Magazine) ha pensato al modo di creare un uovo vegetale con il sapore delle uova vere. Niente colesterolo, sapore ottimo, soluzione dal sapore etico e dal costo interessante. I loro prodotti sono Just Mayo, la maionese artificiale e un preparato per biscotti che supera le più forti ritrosie gastronomiche. Ora stanno lavorando a delle uova stapazzate vegetali.

 

In attesa di assaggiare la maionese della Hampton Creek (ci hanno detto che potremmo trovarla sugli scaffali dei nostri supermercati da quest’anno)  vi propongo un esperimento culinario nostrano: gamberi al grill con lardo e berberè, accompagnati da asparagi. 

 

Ingredienti per i gamberi al grill con lardo e berberè, accompagnati da asparagi

b2ap3_thumbnail_gamberi-lardo-3.jpg

– 16 gamberi 

– 4 fette di lardo

– un mazzo di asparagi

– un cucchaio di berberè

– olio 

– sale

– pepe

 

b2ap3_thumbnail_gamberi-lardo-2.jpgPreparazione

1. Per prima cosa scaldate il forno a 150° C;

2. Lavate i gamberi sotto l’acqua corrente. Sistemateli  in una teglia da forno in cui avrete generosamente messo dell’olio extra vergine di oliva. Sistemate con cura  le fette di lardo sui gamberi, spolverate con il berberé Accendete il grill e cuocete fino a che il lardo sia ancora morbido con una punta di croccante, un attimo prima che secchi, i gamberi non devono cuocere troppo;

3. Contemporaneamente lavate gli asparagi, tagliate la parte del gambo più dura e fibrosa, il turione, e cuoceteli nell’apposita pentola, l’asparagera, per circa 10-15 minuti a seconda della grandezza. L’uso di questa particolare pentola cilindrica permette di cuocere gli asparagi in piedi, i turioni in acqua  e i germogli al vapore. Se non avete l’asparagera, legateli a piccoli gruppi con uno spago stretto nella parte alta e nella parte bassa dell’asparago e cuoceteli in una pentola il più possibile alta e stretta;

4. Servite i gamberi  con gli asparagi e accompagnate con il sugo di cottura.

 

Commenti