C’è un profumo, a Padova, famoso quanto le meraviglie artistiche della città e la Basilica del Santo, un profumo che si fa strada in Piazza della Frutta, mentre si avvista un chioschetto rosso…

 

La tenda vermiglia è quello della Folperia, vicino al bancone del bar dei Osei, siamo in pieno centro, tra le bancarelle di frutta e verdura del mercato e il Palazzo della Ragione. Seguite l’onda e unitevi ai padovani in coda per gustare un piatto di folpetti, così si chiamano i buonissimi moscardini padovani: sbizzarritevi poi tra le polpette di tonno fresco, il fritto in spiedini di gamberi, le lumachine lesse dette bovoletti, i granchietti lessi dette masenete, gli scampi in saore o le mezze polpette con gamberi e verdure con sopra il bacala mantecato e poi le Cicarette di baccalà o con due mazzancolle panate e fritte con la salsa alì e oli. 

 

Tutti in piedi!

b2ap3_thumbnail_street-food.jpgI folpetti, da tradizione, si mangiano in piedi, con gli stuzzicadenti, bevendo un bianco ordinato al dirimpettaio Bar dei Osei. Riconosciuta come miglior locale regionale di rivenditori di strada dalla guida Street Food del Gambero Rosso ed è attualmente in lizza per gli Oscar del cibo da strada 2015, La Folperia apre per l’aperitivo dalle 17 alle 21.

 

Cibo da strada, gusto da reggia

Se capitate a Padova, interessati all’argomento cibo da strada, mettete anche in agenda la Sagra del Folpo, la Fiera tradizionale di Noventa Padovana che si svolgerà dal 24 al 28 ottobre 2014. Qui oltre al folpo lesso, fritto e in umido proverete anche il torbiolino, il vino perfetto per polpi e moscardini. Potete raggiungere Noventa in auto, in battello o con il trenino.

 

La ricetta originale dei folpetti della Folperia

Cosa vi serve per due persone:

1 kg di moscardini freschi 

sale e pepe 

3 foglie di alloro

un mazzetto di prezzemolo

aglio IGP di Rovigo

olio extravergine d’oliva IGP dei Colli Euganei

mezzo bicchiere di Merlot 

 

Come fare

1. Lavate i moscardini sotto acqua corrente. Cuoceteli con le interiora, la parte più buona.

2. Metteteli in acqua fredda, salata, con le 3 foglie di alloro e un mezzo bicchiere di Merlot per togliere il freschino.

3. Fate cuocere a fuoco basso per 15/20 minuti secondo grandezza

4. Lasciate riposare. Tagliate i moscardini a pezzetti.

5. Condite con una salsetta a base di olio, aglio tritato finemente, prezzemolo e, per finire, una pioggia di limone.

 

In diretta da Padova, proposte up to date

b2ap3_thumbnail_giardino-botanico.jpgAffrontate senza muovervi un vero e incredibile viaggio nella biodiversità. Da non privarsene per nessun motivo. Per affrontarlo basta prevedere la visita all’orto Botanico e al nuovo Giardino della Biodiversità, la nuova ala del più antico orto botanico del Vecchio Continente (e scusate se è poco…), sito protetto dal Patrimonio Mondiale dell’Unesco sin dall’ormai remoto 1997.

 

b2ap3_thumbnail_ce-profumo-per-te.jpgSoddisfatta la sete di scienza, concedetevi poi un viaggio nei sensi. Arome de Parfum, Olio- Profumo Fai da Te. Un nuovo negozio in via Altinate, 53. Potrete creare e personalizzare fragranze, oli e creme miscelando delle essenze di base con 100 diversi tipi di estratti naturali e oli essenziali. Esperienza sublime, da provare.

Commenti