Alla fine spetterebbe ancora al caviale il primo posto per il cibo più costoso al mondo, ma nella sua versione ottenuta dallo Strottarga Bianco, un pesce albino, e con un’aggiunta di foglie d’oro a 18 carati:  più o meno 100.000 euro al kg come riporta il sito del Time.

Diciamo, in soldoni, sono circa 1000 euro a cucchiaino. L’aggiunta d’oro ha anche una latente impronta salutista,  pare rafforzi il sistema immunitario. Questo tipo di caviale è una recentissima  invenzione di Walter Gruell e di suo figlio Patrick: la nuova versione dell’oro bianco è perfetta per pasta, risotto o per un crostino di pane tostato e burro, per quanto i due produttori tendano a specificare che, grazie al suo sapore intenso se ne possano usare piccole  quantità, in caso si può ordinare la versione tradizionale, meno albina e più economica, a 6250 euro al kg.

 

I grandi classici della spesa

Rimangono in classifica i grandi classici, il tartufo in primis, quello piemontese d’Alba viene anche acquistato da investitori, a seguire i funghi Mattake che si trovano in alcune zona del Giappone, della Cina e della Corea;  sempre in Giappone crescono il rarissimo melone di Yubari e le angurie nere dell’Hokkaido. Dalla materia prima è facile passare alle creazioni più stravaganti e sfrontatamente care, dalla pizza all’aragosta e foglie d’oro, al bagel di New York al tartufo bianco: il conto? È un’inezia…

 

L’alternativa da 5 euro

Considerati gli importi estremi e in parte anche affascinanti, per ritornare alla realtà, oggi si cucina gallinella di mare con polenta e salsa verde. Il costo complessivo del piatto per due è di circa 5 euro. Ma è buonissimo. La salsa verde è a modo nostro, senza tuorlo d’uovo e senza patata come indicato a regola nel Cucchiaio d’Argento.

 

 

Cosa vi serve:

b2ap3_thumbnail_gallinella-e-polenta-2.jpg250 grammi di filetti di gallinella di mare

1 confezione di farina per polenta

un mazzetto di prezzemolo

1 acciuga sott’olio

1 decina di capperi

1 spicchio d’aglio

Olio extra vergine di oliva

 

Come fare:

Lavate il prezzemolo e asciugatelo. Tagliare i gambi e tenere le foglioline, tritare il prezzemolo insieme ai capperi e alle alici e allo spicchio d’aglio con la mezzaluna. Mettete il tutto  in una ciotola a versate l’olio a filo mescolando con una frusta.

Preparare la polenta, tradizionalmente con il  tempo lungo, o , come indicato sulla confezione delle polente istantanee, in circa otto minuti.

Scottare la gallinella in una pentola con poco olio d’oliva, aggiungete sale e pepe. La cottura dei filetti è molto veloce.

Servite la gallinella con la polenta in un unico piatto di portata, insaporendo con la salsa verde. Portate in tavola anche una ciotolina con la salsa verde rimasta.

 

Commenti