La buona notizia da Coldiretti è che finalmente i pescherecci sono tornati a pescare in Adriatico dopo 43 giorni di fermo.

Quindi pesce fresco nei mercati e nelle pescherie, pranzi e cene casalinghe con pescato locale e meno rischi di ritrovarsi nel piatto, soprattutto al ristorante, prodotto congelato o straniero delle stessa specie del nazionale se non addirittura esotico e spacciato per nostrano.

 

Per effettuare acquisti di qualità al giusto prezzo il consiglio di Coldiretti Impresapesca è di verificare sul bancone l’etichetta, che per legge deve prevedere l’area di pesca (Gsa). Le provenienze da preferire sono quelle dalle Gsa 9 (Mar Ligure e Tirreno), 10 (Tirreno centro meridionale), 11 (mari di Sardegna), 16 (coste meridionali della Sicilia), 17 (Adriatico settentrionale), 18 (Adriatico meridionale), 19 (Jonio occidentale), oltre che dalle attigue 7 (Golfo del Leon), 8 (Corsica) e 15 (Malta). Ma si può anche rivolgersi alle esperienze di filiera corta per la vendita diretta del pescato che Coldiretti Impresapesca ha avviato presso la rete di Campagna Amica. 

Mentre ci informiamo sula filiera corta, oggi un bel baccalà alle cipolle e pomodori e patate dolci.

 

Ingredienti per due persone

1 trancio di baccalà già ammollato, circa 300 grammi

1/2 kg di patate dolci

1 cipolla

10 pomodorini

3 peperoni arancioni, sono oblunghi e li ho presi di provenienza spagnola.

1 pizzico di peperonicino in polvere

olio extra vergine oliva

sale

pepe

 

Come fare

1. Mettete il baccalà in una padella piena d’acqua fredda, portate a ebollizione, poi togliete dal fuoco e lasciate riposare circa trenta minuti. Scolate e asciugate il pesce.

2. Lavate le patate dolci oblunghe con una spazzolina, mettetele in una pentola con acqua fredda  e fatele bollire fino a che risultano morbide.

3. Tagliate il baccalà a pezzi, passatelo nella farina e poi in una pentola con olio e le cipolle tagliate sottili. Togliete il baccalà dalla padella e aggiungete i pomodorini tagliati e senza semi e i peperoni, a cui avrete tolto semi e parti bianche interne, tagliati a fettine. Fate saltare fino a che le verdure diventano morbide. Regolate di sale, pepe e peperoncino.

4. Immergete il baccalà nella salsa, fate amalgamare i sapori, facendo attenzione a non rompere troppo i bocconcini di pesce e servite con le patate dolci lessate che sono buonissime. Sono ottime anche al forno, come alternativa. Le ho tagliate a rondelle e poi cotte in forno con un goccio d’olio e sale a circa 190° fino a che non sono diventate croccanti.

Commenti