Il mondo accademico sta studiano come gusto sapore e cervello interagiscano: gli aromi e i sapori come li percepiamo, nascono dalla collaborazione di gusto e olfatto, ma anche dall’interazione con il sistema delle emozioni e delle gratificazioni. La nuova scienza si chiama Neurogastronomia, termine inventato da Gordon Shepherd, autore del libro: Neurogastronomy: How The Brain Creates Flavour and Why It matters e brillantissima star ottantenne in carica come professore di neurobiologia alla Yale School of Medicine.

 

In Italia si sta lavorando moltissimo sull’argomento, all’Università di Verona si potrà seguire un corso dedicato alla Neurograstronomia, all’Università degli Studi di Parma, dipartimento di Scienza degli Alimenti Scienze è in programma un Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche. A Pollenzo, in provincia di Cuneo, si può diventare gastronomi seguendo il programma di studi dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, la prima università al mondo con questi particolari requisiti, nata dal progetto del veggente fondatore di Slow Food, Carlo Petrini.

 

b2ap3_thumbnail_neurogastronomy-book.jpgVi lascio quindi lo studio del gusto di questo piatto, ciuffeti di seppia con peperoni gialli e fiori di zucca. A voi: lo studio o i fornelli!

 

Cosa serve per 2 persone

b2ap3_thumbnail_ciuffetti-blog-2.jpg350 grammi di ciuffetti dei seppie

due peperoni gialli

uno spicchio di aglio

un bicchiere di vino bianco 

un mazzetto di prezzemolo

un mazzetto di basilico

tre fiori di zucca freschi

olio extra vergine

sale 

pepe

 

Come procedere

Lavate i peperoni, tagliateli a metà e poi a listarelle, levate le parte bianca e i semini. Tagliate poi le listarelle in pezzi che ricordino dei rettangoli. Preparate una padella con un giro d’olio e uno spicchio di aglio schiacciato. Una volta che l’aglio si è dorato, aggiungete i peperoni, fateli scottare a fuoco vivace e poi abbassate la fiamma. Insaporite con qualche foglia di basilico. Coprite e cuocete per circa 30 minuti. Se necessario aggiungere mezzo bicchiere d’acqua per portare a termine la cottura. Lavate i ciuffetti di seppia e asciugateli bene. Fateli rosolare qualche minuto in una padella con dell’olio. Aggiungete del vino bianco per continuare la cottura, coprite la padella. Controllate spesso che il liquido non si asciughi del tutto. La cottura è perfetta quando i ciuffetti risultano morbidi, in questo caso ci sono voluti circa dieci minuti. A fine cottura aggiungete una manciata di prezzemolo fresco e sminuzzato e delle striscioline di fiore di zucca fresco. Servite i ciuffetti e i peperoni in un unico piatto di portata. 

Commenti