L’antica filosofia taoista del silenzio si adatta alla ricetta di questo post: così facile e fantastica da levare via le parole di bocca. Considerato anche il suo uso trasversale, ve la consiglio senza remore.

 

La bruschetta è facile da preparare ma, d’altro canto, e con le parole di  Paolo Conte, “La facilità è una forma di perfezione che contiene la sostanza di un lungo lavoro”.

 

b2ap3_thumbnail_blog-bruschette-vongole-3.jpgLista della spesa per quattro persone:

– 1 filone di pane casereccio

– 1 kg di vongole

– 10 gamberi

– 1 pomodoro maturo

– 1 spicchio d’aglio

– olio extra vergine di oliva

– sale 

– pepe

– prezzemolo

 

Preparazione:

1. Lavate le vongole e farle spurgare per un paio di ore in un contenitore con dell’acqua fredda salata;

2. Mettete le vongole in una pentola coperta con acqua e vino bianco e cuocete fino a farle aprire;

3. Togliete le vongole dalla pentola con una schiumarola e sgusciatele. Filtrate il liquido di cottura;

4. Lavate e pulite i gamberi, eliminando il carapace e il budellino. Tagliateli a pezzetti di 1 cm circa;

5. Preparate una pentola con qualche cucchiaio di olio e uno spicchio di aglio, aggiungere il liquido di cottura filtrato e le vongole pulite, i gamberi e i pomodori tagliati a dadini;

6. Fate insaporire per qualche minuto, controllando la cottura dei gamberi. Unite alla fine il prezzemolo e fate un giro di olio crudo;

7. Tagliate il pane a fette e fatelo grigliare in forno ad alta temperatura oppure in una padella antiaderente;

8. Servite i crostini in un piatto e le vongole in un recipiente. La goduria della bruschetta è prepararsela secondo il proprio gusto. Ci sta anche una bella passata di aglio sul pane abbrustolito.

 

Commenti